sabato 16 settembre 2017

La stagione venatoria è iniziata

17 Settembre 2017 Apertura ufficiale della stagione venatoria.
La data temuta è arrivata e i poveri animali sopravvissuti agli incendi di questa estate torrida e infuocata, si troveranno nuovamente di fronte alla morte. Non è bastato il mio appello il 25 agosto in cui invitavo il buon senso dei cacciatori a sospendere di propria volontà la caccia. Non è bastato l'appello delle altre associazioni che hanno seguito la mia voce in questa battaglia. Non sono bastate le parole di Michela Vittoria Brambilla con il suo #stopcaccia nella giornata della prima direzione nazionale del Movimento Animalista e della prima assemblea pubblica. Purtroppo la voce dei più deboli data da noi animalisti non è ascoltata dal Governo e neanche da questi "rispettosi della natura e dei suoi abitanti " o almeno così si spacciano i cacciatori! Fino a febbraio (giorni di posticipo) la caccia sarà aperta a più specie, ecco il calendario:
Caccia nella Regione Lazio: il calendario venatorio dal 17 settembre 2017 al 31 gennaio 2018
Le specie potranno esser cacciate secondo il seguente calendario: dal 17 settembre al 30 ottobre la quaglia; dal 17 settembre al 10 dicembre la lepre europea; dal 17 settembre al 31 dicembre il coniglio selvatico e fagiano; dal 17 settembre al 31 gennaio 2018: alzavola, beccaccino, canapiglia, codone, fischione, folaga, frullino, gallinella d'acqua, germano reale, marzaiola, mestolone, moriglione, pavoncella, porciglione, volpe; dal 20 settembre al 31 dicembre il merlo; dal 1 ottobre al 30 novembre la starna; dal 1 ottobre al 31 dicembre l’allodola; dal 1 ottobre al 20 gennaio 2018: beccaccia, cesena, tordo bottaccio e tordo sassello; dal 1 ottobre al 31 gennaio 2018: colombaccio, cornacchia grigia, gazza, ghiandaia; dal 1 ottobre al 31 gennaio il cinghiale (unica caccia, sia in modalità singola che collettiva, per cui è consentito l’ausilio del cane).
Nessuno controllerà i capi cacciati e la quantità, nessuno fermerà la mano dei "bracconieri" sul grilletto del fucile.
Potrebbe interessarti: http://www.romatoday.it/politica/calendario-venatorio-2017-2018-lazio.html
Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/pages/RomaToday/41916963809
 Udiremo dalla campagna le detonazioni dei colpi ognuno dei quali porrà fine alla vita di un povero animaletto, sarà il suo ultimo grido di dolore. 

Responsabile Provinciale
della tutela degli animali 
Maria Lucia Belli

martedì 29 agosto 2017

Chiesti controlli a tappeto sulla commercializzazione, lavorazione e trasformazione della carne di Cinghiale

 Fare Verde  Provincia di Frosinone il 29 agosto 2017 ha depositato la specifica richiesta di controlli su tutto il territorio provinciale per la commercializzazione , per la lavorazione e la trasformazione della carne della specie Sus Scrofa non sottoposta al regime d’ispezione da parte dei Servizi Veterinari nell’interesse supremo dei propri iscritti e degli animali. La richiesta specifica e’ indirizzata ai Carabinieri del N.A.S. ed e’ rivolta ad ottenere controlli sanitari e amministrativi per ristoranti, trattorie, agriturismi, laboratori di trasformazione, sagre ed eventi presenti in provincia di Frosinone ove avviene cessione, lavorazione e trasformazione delle carni di Cinghiale. Fare Verde ricorda ai propri iscritti consumatori finali che le carni di qualsiasi specie per essere commercializzate devono essere sottoposte all’ispezione sanitaria da parte dei Servizi Veterinari e in particolare per la carne di cinghiale ceduta direttamente dai cacciatori si ritiene insufficiente il semplice esame Trichinoscopico. Ci sono molti altri motivi legati all’igiene , ad altre malattie trasmissibili all’uomo e agli animali come la Brucellosi e la Tubercolosi, forme di insudiciamento, forme di contaminazione, proliferazione batterica, presenza di farmaci, presenza di sostanze ormonali, presenza di metalli pesanti oltre la soglia prevista dalla normativa vigente, mancata tracciabilita’ ecc ecc che possono essere la causa dell’esclusione delle carni dal circuito della trasformazione, lavorazione e vendita in quanto potrebbero essere pericolose per il consumatore e per gli animali.

venerdì 25 agosto 2017

CIOCIARIA ANCORA IN FIAMME ED ANIMALI MORTI

Ciociaria ancora in fiamme.

Quando la stupidità umana non ha un limite, la terra brucia in estate.

Non sono bastati gli incendi ripetuti e dannosi dei giorni passati che hanno provocato distruzioni di aree verdi e per cui ci vorrà tempo per ripristinarle; proprio il 24 agosto la terra ciociara ha continuato ad ardere e l’area interessanta è Pineta Bagnara.
Nonostante le fiamme dilaniassero la natura, c'è chi ha pensato bene di far detonare i fuochi pirotecnici per le festività locali prossime. Ha ragione il Dott. Marco Belli quando dice che i santi non chiedono di sparare in loro onore; aggiungo io, ma di pregarli per implorare delle grazie e in questo caso l’unica cosa che mi verrebbe in mente di chiedere è di far cessare i comportamenti scorretti di molti personaggi.
Grazie all’intervento tempestivo dei Vigili del Fuoco e di Civilmonte l'area verde Colle Cipullo non è bruciata, mentre Pineta Bagnara ancora fuma. Se sono raccapriccianti le immagini delle fiamme rosse che si spandono velocemente osservate durante la notte, date un’occhiata alle foto di una natura scheletrica che non pullula più dei suoi abitanti. Le persone sono rimaste, per fortuna, salve e non sono state cotte a puntino come gli animali, ad esempio: volpi, ricci, serpenti, lucertole, istrici, lepri. Tutti importanti per la sopravvivenza del pianeta e della nostra terra ciociara. Provate ad immaginare la loro sofferenza mentre le fiamme li avvolgevano!
Quanto tempo ci vorrà a ripristinare la biodiversità di questa zona? Tra quanti anni osserveremo di nascosto una volpe che ci attraverserà la strada e curiosi  vorremmo almeno immortalare quel momento? Vi rispondo io… molto tempo! 
Voglio approfittare per invitare i signori cacciatori a sospendere di propria volontà la stagione venatoria, di imbracciare i fucili scarichi e di lasciarli in macchina, di uscire con i loro cani e andare a passeggiare in aree verdi che non esistono più. Cosa volete cacciare? Animali morti? 
Ripopolare i nostri boschi non sarà semplice ma non impossibile se già venissero puniti i responsabili. 

Fare Verde 
Frosinone
La Responsabile Provinciale
per la tutela degli animali

Maria Lucia Belli

mercoledì 23 agosto 2017

Il Parco dei Monti Ernici non e' una soluzione...E' LA SOLUZIONE!

Parco dei Monti Ernici per meglio organizzare il territorio e distoglierlo dagli interessi deviati che hanno colpito il nostro patrimonio boschivo e la nostra fauna che rappresentano i beni irrinunciabili dello Stato. Il Parco dei Monti Ernici e' diventato una necessità per la popolazione visto che tutte le aree Parco se ben gestite rappresentano fonte di ricchezza e occupazione come e' ampiamente dimostrato da tutti i rapporti statistici. La nostra Associazione di protezione Ambientale resta critica nei confronti dei tanti Sindaci che da sempre si sono schierati contro la realizzazione dell'area Protetta Parco dei Monti Ernici in quanto secondo loro l'area Parco inibirebbe lo sviluppo dei loro territori. Accadrebbe invece l'esatto contrario e finalmente la Provincia di Frosinone entrerebbe nel circuito virtuoso dello sviluppo sostenibile con la rivalutazione economica dei centri storici abbandonati lasciando alle future generazioni un territorio integro da gestire in modo corretto e con una migliore qualità della vita. Bisogna abbandonare le vecchie concezioni relative alle aree Parco che le vedono come luoghi desolati dove la Natura e' l'indiscussa e unica protagonista. L'area Parco dei Monti Ernici che Fare Verde concepisce e' un territorio circoscritto da un confine reale solo sulle carte geografiche nel quale si dovrà realizzare l'armoniosa convivenza tra l'uomo con le sua attività produttive sostenibili, la Natura e gli animali. I Sindaci che da sempre si sono detti contrari al Parco dei Monti Ernici riflettano sul valore aggiunto e non sugli impedimenti anche perché il loro modello di sviluppo si e' miseramente infranto e non ha avuto alcun risultato utile. Abbandonare il modello di sviluppo insostenibile per approdare ad un nuovo modello di utilizzo sostenibile del territorio sarà la vera rivoluzione di questo Secolo per la Ciociaria e sarà molto piu' redditizio e pulito creare il Parco dei Monti Ernici che non inceneritori e discariche che imbrattano e deteriorano la nostra esistenza. Con il Parco ne trarra' giovamento il paesaggio che non conoscerà più il fenomeno dell'abusivismo edilizio catalogato di necessità dai provvidi politici pro voto loro rendendo il patrimonio edile già costruito più prezioso e questo non lo dice Fare Verde ma la legge del mercato che e' meglio conosciuta come la legge della domanda e dell'offerta. Se ci sono tante case in più rispetto al fabbisogno della popolazione il loro valore inevitabilmente scende. Come un cane che si morde la coda il nostro territorio e' stato devastato dallo scellerato impatto antropico ma ora e' arrivato il momento della riflessione per capire quali sono i risultati ottenuti. Se la popolazione della provincia di Frosinone non inizierà a riflettere si troverà in mano un pugno di mosche e sarà testimone dello sviluppo di altre popolazioni più lungimiranti che non vedono lo sfruttamento del territorio come fonte inesauribile di interesse economico. Bisogna trovare la forza di dire basta al consumo del suolo, all'imbrattamento, allo sfruttamento sistematico del nostro territorio e concepire una nuova forma di approccio tra uomo e Natura diventandone CUSTODI creando occupazione e ricchezza. Il Parco dei Monti Ernici non e' una soluzione ed infatti e' la soluzione! Chi e' contrario porti una soluzione per il futuro del nostro territorio e se sarà migliore della nostra e non sarà utopistica staremo zitti per sempre.




mercoledì 5 luglio 2017

Provincia di Frosinone - Firmato lo stato di calamita' naturale per la carenza di acqua potabile.

Fare Verde Provincia di Frosinone e' stata profetica ma ha sempre avuto il dono di Cassandra supportato da una parte di quella stampa poco attenta alle questioni Ambientali. Il 5.7.2017 il Presidente della Regione Lazio ha firmato lo stato di calamita' per la crisi idrica anche per la Provincia di Frosinone.
Si è infatti determinata una diffusa e generalizzata criticità, connessa alla scarsità di risorsa idrica, dovuta alla mancanza di piogge autunnali. Con il mese di giugno, questa criticità ha assunto livelli eccezionali. Diversi comuni hanno trasmesso all'Agenzia Regionale di Protezione Civile richieste di approvvigionamento di acqua ad uso potabile e zootecnico, causa carenza delle relative sorgenti. Al contempo, i gestori del servizio idrico integrato hanno prelevato oltre misura dai siti affidatigli in concessione. Nell'ambito dell'Ato 4 e dell'Ato 5, che insieme comprendono i Comuni della provincia di Latina e Frosinone ed alcuni Comuni della provincia di Roma, si sono quindi registrate situazioni di particolare gravità, evidenze che hanno indotto i presidenti degli stessi A.T.O. a richiedere l'attivazione dello stato di emergenza idrica. Questo scenario ha dunque reso indispensabile procedere all'adozione di interventi immediati, urgenti e straordinari, a sostegno della popolazione e delle attività colpite. Resteranno agli atti le doglianze di Fare Verde al Ministero dell'Ambiente, il nostro ricorso all'Autorita' Garante e tutte le segnalazioni inviate per le perdite di acqua potabile. Si spera che ora di fronte all'inequivocabile stato di calamita' naturale per l'acqua potabile  tutte le Istituzioni della  Provincia di Frosinone prendano in considerazione quanto aveva ordinato il Ministero dell'Ambiente in seguito alle richieste di Fare Verde. Per ricordarlo: La nostra Associazione aveva chiesto e ottenuto dal Ministero che venisse attuato il censimento di tutti i punti di captazione di acqua potabile sul territorio della Provincia di Frosinone e di redigere un piano per l'uso sostenibile delle risorse idriche fatto di investimenti per gli acquedotti in modo da ridurre le perdite che ora sono cosi' copiose da aver procurato l'eccessivo sfruttamento dei siti dati in concessione al gestore del servizio idrico integrato.


FARE VERDE ONLUS Monte San Giovanni Campano (FR) -: La Ciociaria sotto attacco di forze ostili fianche...

FARE VERDE ONLUS Monte San Giovanni Campano (FR) -: La Ciociaria sotto attacco di forze ostili fianche...: Il Comune di Roma con le sue forze ostili dopo aver circondato la Provincia di Frosinone con provvidi inceneritori pro incasso proprio e m...

domenica 25 giugno 2017

FONTANA LIRI (FR) – FARE VERDE, ELETTO IL NUOVO DIRETTIVO NAZIONALE. FRANCESCO GRECO RICONFERMATO PRESIDENTE.

L’assemblea nazionale degli iscritti all’associazione ambientalista Fare Verde Onlus, riunita il 24 e 25 giugno 2017 a Fontana Liri (FR), ha eletto il nuovo direttivo nazionale e ha riconfermato nella carica di Presidente l’avvocato Francesco Greco.
Il nuovo direttivo nazionale del sodalizio ecologista risulta così composto: presidente nazionale Francesco Greco, vice presidente Massimo De Maio, consiglieri Silvano Olmi, Assunta Grippo, Marco Belli, Cristian Perruzza, Ilaria Tagliavia, Giuseppe Cazzolla e Domenico De Prisco.
Il Consiglio dei Garanti sarà composto da Sandro Marano, Salvatore Avella e Agostino Bottoni, e il Collegio dei Revisori dei Conti da Fabio Montefiore, Maria Rita Raponi e Federica Bussetti.
“Dopo due giorni di intenso confronto e dibattito – dichiara il riconfermato presidente nazionale Francesco Greco – incentrati sulla tutela dell’ambiente e della qualità della vita, sia nelle aule giudiziarie sia nei vari territori, Fare Verde rinnova il suo impegno di dedizione e attenzione contro tutti gli attacchi alla Natura e alle generazioni future, nonché a coloro, come gli animali, le piante, il mare e l’aria, non votano e per questo sono spesso oltraggiati.”
Fare Verde Provincia di Frosinone entra nel Consiglio Direttivo Nazionale con il Presidente Provinciale Dott. Marco Belli.  Mariarita Raponi viene eletta tra i revisori dei Conti. Agostino Bottoni di Fare Verde Monte San Giovanni Campano e Salvatore Avella di Fare Verde Cassino sono i nuovi Consiglieri Garanti dell'Associazione. Durante il Congresso sono  state illustrate anche tutte le criticità presenti in Provincia di Frosinone e quelle che l'uomo vorrebbe procurare incurante delle tragiche conseguenze. Inquinamento della Valle del Sacco, rifiuti seppelliti al Nocione, depurazione di fantasia delle acque reflue urbane, discariche abusive già sanzionate dalla Corte di Giustizia Europea, crisi idrica, Emergenza Ambientale per l'inquinamento dell'Aria, Raccolta differenziata che non ha raggiunto gli obiettivi previsti dalla Normativa Vigente, il revamping dell' inceneritore di San Vittore del Lazio, l' abbandono dei rifiuti anche speciali pericolosi, i forni crematori  e le centrali a biomasse per pirolisi contrastate efficacemente da Fare Verde nella Valle di Comino. L'Avv. Santaroni Emiliano di Fare Verde Monte San Giovanni Campano ha illustrato con maestria gli strumenti vecchi e nuovi che le leggi dello Stato mettono a disposizione per l'accesso agli atti in quanto la perfetta conoscenza degli atti  è l'unico modo per rendere consapevole la popolazione su quanto accade e fornisce gli strumenti utili per il contrasto Giudiziario.

mercoledì 21 giugno 2017

FONTANA LIRI - CONGRESSO NAZIONALE DI FARE VERDE ONLUS - 24 e 25 GIUGNO 2017

Il Comune di Fontana Liri il 24 e 25 Giugno 2017 ospiterà il Congresso Nazionale di Fare Verde Onlus presso l'Eco Centro Polifunzionale di via Fiume.
Il giorno 24 Giugno alle ore 10.00 si terrà il convegno "La difficoltà della tutela Giudiziaria nella tutela dell'Ambiente". Il punto cardine del convegno sarà l'illustrazione del "decreto Madia" sulla trasparenza degli atti. L'Avvocato Emiliano Santaroni di Fare Verde produrrà la modalità perfetta per esercitare il diritto dell'accesso agli atti e spiegherà per filo e per segno le azioni da intraprendere  in caso di inerzia della Pubblica Amministrazione.
Sempre il giorno 24 Giugno alle ore 12.00 circa il Sindaco di Fontana Liri presenterà la De. C.O. di Fontana Liri (Denominazione Comunale di Origine) e ci sarà la degustazione dei prodotti locali con l'esplicito intento di informare i Consumatori che le produzioni a km zero oltre a rispettare la Natura con specifici disciplinari sono anche virtuosi per l'Ambiente in quanto procurano risparmio certo per la produzione di CO2 e un minor consumo di carburante fossile.
I lavori del Congresso Nazionale termineranno Domenica 25 Giugno 2017 con le elezioni per il rinnovo delle cariche nazionali.
Fontana Liri per due giorni sarà al centro dell'attenzione visto che la Rappresentanza in Italia della Commissione Europea ha concesso il proprio patrocinio ai lavori del Congresso e quindi sarà premura di Fare Verde produrre specifiche riflessioni sulla Direttiva Europea 1999/31/CE relativa alle discariche di rifiuti e sulla Sentenza della Corte di Giustizia dell'Unione Europea (Causa C - 196/13) che constata un inadempimento da parte del'Itlaia in materia di gestione di rifiuti.   
La Provincia di Frosinone ha fatto la sua parte con la concessione del proprio patrocinio ed ha fornito materiale divulgativo che ben rappresenta la Ciociaria. Interverrà il  Presidente del Consiglio Provinciale Luigi Vacana che ha aderito con entusiasmo al convegno .
Fare Verde Provincia di Frosinone,   ha organizzato il Congresso su delega del Presidente Nazionale Avv. Francesco Greco, ringrazia l'Amministrazione Comunale di  Fontana Liri e il Sindaco Gianpio Sarracco per la gentilezza e la grande ospitalità.



mercoledì 14 giugno 2017

MSGC: I cercatori dell'acqua perduta.

Da qualche tempo la sorgente Carbonaro era in secca e correva voce che la colpa fosse imputabile alla siccità. Quando oramai quasi tutti si erano rassegnati è arrivato il nostro Bruno Mastrantoni ex capo fontaniere del Comune che ha risolto la situazione insieme ad altri volontari di Carbonaro. In buona sostanza i volontari hanno ripulito la conduttura e tutto il fontanile e ora la sorgente Carbonaro è tornata allo splendore di sempre con l'acqua che sgorga fresca e limpida. L'uso sostenibile delle risorse idriche in questo caso è stato messo in pratica dai Cittadini e finalmente l'acqua è tornata a scorrere anche nel Fosso Carbonaro ricreando il micro habitat di sempre per le specie anfibie. Il Comune di Monte San Giovanni Campano e il gestore del servizio idrico integrato dovrebbero meditare sull'azione dei Monticiani di Carbonaro perchè l'essere umano quando ha l'acqua razionata trova il modo di trovarla e questo accade dall'inizio dei tempi.
Fare Verde Monte San Giovanni Campano





domenica 11 giugno 2017

Qualità dell'aria migliorabile con il TPL elettrico

TECNOBUS è un'azienda d'eccellenza presente in Provincia di Frosinone che produce bus elettrici ma che non è presa nella giusta considerazione dagli Enti Locali per il TPL (Trasporto Pubblico Locale) nonostante la gravissima criticità ambientale della qualità dell'aria. Eppure l'azienda presente in via Pietrarotonda al km 1.100 a FROSINONE produce bus elettrici famosi nel mondo (perfino in Canada) come ad esempio il GULLIVER. Viaggiare sui mezzi pubblici elettrici migliora anzitutto il traffico, perché riduce la congestione e permette quindi di immettere meno sostanze inquinanti nell’aria. Il TPL elettrico permette il risparmio di emissioni di CO2 , la riduzione dei consumi di carburante, in particolare di gasolio, con sensibili benefici anche per la diminuzione dell’inquinamento acustico, permette poi di viaggiare in modo più sicuro in quanto un autobus è considerato 79 volte più sicuro di un’auto. I punti a favore sono numerosi ma purtroppo il TPL elettrico si scontra con un modello culturale fortemente individualista, orientato da abitudini d’acquisto deviate, ma anche da una parziale sfiducia nei confronti delle reti pubbliche di trasporti, che i fatti mostrano non sempre efficienti e adeguate. E’ in questa direzione che devono muoversi gli sforzi e gli investimenti degli enti di gestione: gli abitanti della Provincia di Frosinone chiedono un servizio capillare, versatile, moderno,  razionale e pulito.
Una mobilità intelligente, pulita e senza sprechi, che le autorità hanno il compito di sponsorizzare tra i cittadini, con la sensibilizzazione fin dalle scuole e con iniziative promozionali. Purtroppo però la mobilità elettrica non viene presa in considerazione per mancanza di informazioni corrette e ancor oggi si crede che un bus elettrico possa avere pochi km di autonomia. A tal proposito Fare Verde finalmente cancella questo luogo comune sull'autonomia limitata del bus elettrico e spiega che il Gulliver prodotto in provincia di Frosinone oltre ad avere un'autonomia di oltre 130 Km nella attuazione pratica in esercizio, tale fondamentale parametro può considerarsi pressochè illimitato visto l’esclusivo sistema di sostituzione del pacco batterie che già consente, anche ad un solo operatore ( e in un tempo irrisorio di pochi minuti, senza necessitare di alcuna attrezzatura particolare a parte un comune transpallet anche manuale), di provvedere alla semplicissima operazione di sostituzione delle batterie scariche. Di fatto il bus elettrico Gulliver ha già superato qualsiasi immaginabile problema di autonomia e si pone come mezzo di trasporto competitivo con i bus tradizionali a gasolio con il vantaggio delle emissioni ZERO. Cari Sindaci della Provincia di Frosinone iniziate a convertire il TPL in elettrico se volete città con l'aria più pulita.


giovedì 1 giugno 2017

MSGC: Nuove multe dall'Unione Europea per la discarica ABUSIVA Monte Castellone

E' il caso di dire che le Istituzioni Europee risplendono di luce propria per trasparenza e gentilezza tanto è vero che lo stesso Commissario all'Ambiente Dott. Karmenu Vella   dispone per rispondere  puntualmente  alle richieste di Fare Verde per ogni questione ambientale. La Direzione Generale Ambiente della Commissione Europea infatti ha fugato qualsiasi dubbio per la discarica ABUSIVA Monte Castellone ubicata sul territorio di Monte San Giovanni Campano.  Premesso il doveroso ringraziamento di Fare Verde alle Istituzioni Europee è arrivato il momento di mettere in chiaro un pò di cose che non sono mai state limpide a Monte San Giovanni Campano. Alla data del 30 Maggio 2017 la Discarica ABUSIVA  Monte Castellone non è stata ancora messa a norma. La Direzione Generale Ambiente della Commissione Europea con nota del 30. 5 .2017 Ref. ARES (2017)2728087 - 31.5.2017 precisa senza ombra di ragionevole dubbio che "La discarica di Monte Castellone risulta tuttora compresa nella lista delle discariche abusive e tale resterà fino a quando non saranno forniti elementi comprovanti che è stata messa a norma". In buona sostanza il Sig. Commissario all'Ambiente per il tramite del Direttore Ion Codescu ci ha mandato a dire che la discarica è ancora non è stata sistemata come prevede la normativa vigente. La Direzione Ambiente della Commissione Europea poi precisa l'entità delle multe già pagate dal Governo Italiano per la discarica illegale di Monte Castellone che ammontano a 600.000 euro per i tre semestri trascorsi ed aggiunge che una nuova multa relativa al quarto semestre è stata inviata recentemente alle Autorità Italiane. La Commissione Europea poi non è interessata minimamente per quanto riguarda la questione del soggetto tenuto al pagamento della penalità e specifica che il riparto delle penalità è di esclusiva competenza del Governo Centrale Italiano. Fare Verde nel merito vuole ricordare che il MEF (Ministero dell'Economia e delle Finanze) ha già chiesto oltre 380.000,oo euro al Comune di Monte San Giovanni Campano per la penalità comminata dalla Corte di Giustizia per la discarica illegale di Monte Castellone. Fare Verde nel recente incontro con il responsabile dell'Ufficio Tecnico del Comune di Monte San Giovanni Campano ha promesso di non mettersi di traverso e di collaborare per la sistemazione della discarica illegale di Monte Castellone ma se le Istituzioni Locali continueranno a nascondere le penalità vorrà dire che Fare Verde cesserà qualsiasi rapporto e non manterrà nessuna promessa attuando il proprio diritto di protezione ambientale. Il Presidente Provinciale di Fare Verde ha dato il più ampio mandato a ben tre legali per iniziare l'iter dell'istanza alla Corte dei Conti perché gli iscritti di Fare Verde di Monte San Giovanni Campano non hanno nessuna intenzione di pagare le multe comminate al Comune tramite le tasse nazionali o in quelle locali dopo aver aver lamentato più volte negli anni gli errori e le lungaggini burocratiche. Pertanto  chiederà alla Magistratura Contabile di individuare gli eventuali responsabili visto che oramai le multe comminate superano abbondantemente la spesa che l'Ente Comune dice di aver sostenuto per eseguire i lavori nella discarica Monte Castellone. Lavori di messa a norma  che l'Italia  non ha ancora potuto dimostrare  di aver eseguito tanto è vero che in continuazione arrivano penalità dall'Unione Europea in attuazione della Sentenza della Corte di Giustizia per la Causa C- 196/13.




sabato 27 maggio 2017

San Donato Valle di Comino - Ha vinto il buonsenso.

E' con immenso piacere che Fare Verde annuncia alla popolazione della Valle di Comino che il Consiglio Comunale del Comune di S. Donato Valle di Comino ha RIGETTATO all'unanimità l'intento di costruire il " Tempio Crematorio". L'intervento appassionato del Consigliere Comunale Mario Antonellis nostro coordinatore in seno al Comitato contro le biomasse sostenuto dalla popolazione coinvolta dall'opera d'informazione messa in atto da Fare Verde ha fatto prevalere il buonsenso. Fare Verde logicamente ringrazia il Sindaco di San Donato Valle di Comino e tutti i Consiglieri Comunali per aver compreso i bisogni della popolazione ed esprime quindi la più grande soddisfazione per l'obiettivo raggiunto in difesa del territorio, dell'Ambiente, della Biodiversità e della Natura. Coglie il momento favorevole per anticipare che le riunioni del Comitato di Valle non termineranno fino a quando non sarà realizzata la "coscienza" di appartenenza di Valle e fino alla piena consapevolezza del concetto di eco cittadinanza. Il successo di oggi che ha visto rigettare all'unanimità il "Tempio Crematorio" e quello quasi totale per le centrali a biomassa devono essere da insegnamento per un futuro luminoso della Valle fondato sul rispetto dell'Ambiente e della Natura con lo strumento dell'agricoltura e del turismo sostenibile meglio immaginato come Bio Distretto . Un futuro che in parte è già presente con l'impegno delle aziende che hanno ottenuto riconoscimenti importantissimi per le produzioni biologiche e per i marchi Europei di tutela. Fare Verde resta impegnata sul territorio con il Gruppo Locale Fare Verde Valle di Comino e chiede alle aziende di associarsi e sostenere la nostra Associazione perché se la loro esperienza è vasta per l'agricoltura sostenibile o per l'ospitalità la nostra Associazione non ha mai perso lo smalto per difenderle da oltre 30 anni. Infine il Presidente Provinciale di Fare Verde ringrazia tutti i Cittadini che hanno sostenuto l'iniziativa e raccomanda a tutti di amare la Natura a prescindere dal colore politico e da qualsiasi altra etichetta di appartenenza.

San Donato Valle di Comino

venerdì 26 maggio 2017

San Donato Valle di Comino: La popolazione dice NO alla costruzione del forno crematorio.

Valle di Comino: Fare Verde ha incontrato la popolazione di San Donato Valle di Comino il giorno 26.5.2017 presso il Bowling di Atina in quanto la ridente Valle non trova pace per le questioni ambientali. L'incontro questa volta è stato partecipato principalmente dalla popolazione di San Donato Valle di Comino perché l'Amministrazione Comunale oggi deciderà sulla fattibilità e sulla opinabile pubblica utilità per la realizzazione di un "tempio crematorio" di grandezza spettacolare che servirà per incenerire migliaia di salme ma che non ha alcun senso per una popolazione di circa 2100 abitanti. L'incontro è servito per stilare un documento, scritto dagli abitanti di San Donato Valle di Comino e sottoscritto da Fare Verde nell'interesse collettivo , in cui la popolazione rivolgendosi al Sindaco oltre a ribadire il no al Tempio Crematorio per incenerire le salme ribadisce il mancato coinvolgimento della popolazione per questa opera di grande criticità ambientale già ritenuta scellerata per l'intera Valle di Comino. La vocazione agricola della Valle di Comino è meglio rappresentata dalle proposte in itinere per il riconoscimento del Bio Distretto e opere come il Tempio Crematorio oltre a non avere nessun senso rappresentano un potenziale danno all'ambiente ed infatti è già accaduto in altri forni crematori che siano state rilevate troppe diossine emesse o la ricaduta di metalli pesanti. Al potenziale e grave danno all'ambiente si aggiunge il danno all'immagine per tutte quelle aziende che hanno investito nelle produzioni agricole biologiche o che hanno ricevuto prestigiosi riconoscimenti Europei con i marchi di produzione D.O.C e D.O.P. La mancanza di informazione e il mancato coinvolgimento della popolazione per le questioni ambientali raccomandate e previste persino dall'Unione Europea hanno procurato scompiglio nell'opinione pubblica tanto è vero che l'incontro di ieri sera più volte è stato animato da interventi dei Cittadini che sono stufi di subire decisioni sulla propria pelle. Fare Verde con un documento, sottoscritto a latere da tutti i partecipanti, ha chiesto al Sindaco di San Donato Valle di Comino di usare buonsenso e quindi di non decidere per la realizzazione del Tempio Crematorio in modo da poter analizzare al meglio le criticità ambientali e il danno d'immagine per l'intera Valle di Comino.


giovedì 11 maggio 2017

Ambiente Lazio - Fare Verde assegna il Premio Gnomo 2017 a Buschini e Raggi.

Frosinone – L’associazione ambientalista Fare Verde Onlus, presidenza provinciale di Frosinone, ha ideato l’anno scorso un riconoscimento, denominato “Premio Gnomo per l’Ambiente”, un premio ironico, una sorta di “Gabibbo verde” che viene conferito a chi si distingue in negativo nel settore ambientale.
Quest’anno, gli iscritti di Fare Verde Frosinone hanno deciso di conferire il premio all’assessore regionale all’ambiente e ai rifiuti Mauro Buschini e al Sindaco di Roma Virginia Raggi, vista la grande quantità di immondizia della Capitale che viene inviata e bruciata in Ciociaria.
LA MOTIVAZIONE UFFICIALE DEL PREMIO GNOMO 2017
 
PREMESSO che il 2017 è iniziato con l’emergenza per la qualità dell’aria che ha colpito l’intera Provincia di Frosinone ed infatti la Regione Lazio ha predisposto il Piano d’Intervento Operativo con una serie di restrizioni alla circolazione stradale, al riscaldamento degli edifici pubblici e privati, allo sport all’aria aperta, ai giochi dei bambini negli spazi pubblici, ha ordinato le giornate di blocco del traffico, il divieto di accendere i fuochi nelle campagne, il divieto di detonare i fuochi pirotecnici e tanto altro che lo scibile umano neppure immaginava esistere.
VISTO l’impegno profuso dall’Assessore all’Ambiente  della Regione Lazio e dal Sindaco di Roma nel contribuire all’inquinamento in Provincia di Frosinone;
VISTO che risulta significativa la ricaduta occupazionale procurata dall’inquinamento per i medici, e alle attività delle pompe funebri e alle ditte edili che costruiscono loculi cimiteriali;
VISTO
– l’incremento ponderale di lavoro per le case farmaceutiche;
– che è indubbia la ricaduta economica per chi è nel cerchio magico del sistema rifiuti;
– che per la popolazione Ciociara è applicato alla lettera il detto “per aspera ad astra”;
 
FARE VERDE ASSEGNA IL PREMIO GNOMO PER L’AMBIENTE 2017
 
– all’Assessore della Regione Lazio Mauro Buschini che dopo aver emesso le restrizioni per la popolazione dovute all’emergenza ambientale per la pessima qualità dell’aria, ha autorizzato con determina n.  G04787 l’aumento dei rifiuti bruciabili in provincia di Frosinone e non contento ha autorizzato in tempi record con determina n. G04789  la riapertura della linea 1 dell’inceneritore di San Vittore del Lazio (FR) ferma per problemi di revamping.
– al Sindaco di ROMA Virginia Raggi, che in perfetta continuità con le linee politiche del passato, prosegue ad inviare rifiuti in provincia di Frosinone per decine di migliaia di tonnellate l’anno, dove per ironia della sorte buona parte di essi é  bruciata sempre nell’inceneritore di San Vittore del Lazio (FR).


martedì 9 maggio 2017

IL TURISMO IN CIOCIARIA. NUOVE OPPORTUNITA' DI SVILUPPO/2


A distanza di un mese continuiamo la ricerca dei territori ciociari ricchi di storia e cultura. In questo secondo articolo vogliamo proporre un comune davvero particolare: Cassino. 



L'ambito di territorio che si estende intorno al polo di Cassino è piuttosto differente dagli altri ambiti della provincia, in quanto non si distingue per un patrimonio di beni diffuso, ma piuttosto per un grande polo di livello nazionale che allo stato attuale non riesce ad interagire con il resto del territorio e nemmeno con il centro urbano di Cassino, caratterizzandosi piuttosto per flussi di escursionisti. Cassino ha le potenzialità, grazie alla presenza dell'Abbazia e dell'Università, di proporsi, insieme al Paese Ernico, come uno dei due poli della provincia strettamente connotati in termini culturali, ma perché questo avvenga è necessario riqualificare fortemente le attività culturali, attivare strategie di cooperazione fra le istituzioni e coinvolgere le risorse diffuse sul territorio. L'Abbazia di Montecassino costituisce uno dei poli di attrazione turistica, storica e culturale di maggiore impatto di tutta la provincia.
Capoluogo storico del Lazio meridionale, nodo geografico, economico e culturale tra le regioni di Lazio, Campania e Molise e Abruzzo, sorge sulle propaggini sud orientali del monte che ha il suo nome ed è bagnata dai fiumi Rapido e Gari; quest’ultimo ha le sorgenti nel cuore antico della città; nelle vicinanze dello stesso fiume Marco Terenzio Varrone costruì la sua villa. La città fu fiorente in epoca romana col nome di Casinum, ebbe un anfiteatro, diversi templi, terme nella villa di Varrone, due fori per il commercio e gli affari, un imponente acquedotto di oltre 22 km.
Nonostante i feroci bombardamenti del 1944, che distrussero completamente l’abitato di Cassino e la celebre abbazia, ancora oggi è possibile ammirare l’area archeologica dell’antica Casinum romana.
In località Crocifisso, lungo la via strada che sale all’Abbazia, troviamo l’ingresso al Museo Archeologico Nazionale, nelle cui sale sono conservati  numerosi reperti, che testimoniano il passaggio dalla cultura volsca a quella romana. Fu in età imperiale che Casinum conobbe il periodo di massima floridezza economica con la presenza di numerose famiglie patrizie, che trasformarono questo territorio da terra agreste a terra degli “otia”. E, in particolare, si ricorda la matrona romana Ummidia Qjuadratilla, che fece edificare, a proprie spese, il Teatro, l’Anfiteatro ed il Mausoleo, posti in prossimità della antica via latina e ancora oggi visitabili attraversando la Porta Campana.


sabato 29 aprile 2017

RIFIUTI - Senza i fessi Ciociari non campano i dritti Romani.

Quello che non dice mai nessuno per mistificare le nefandezze nei confronti della Ciociaria: La Provincia di Frosinone produce circa 177.000 Tonnellate di rifiuti l'anno pari a 357 kg/abitante l'anno. Ebbene solo dal Comune di Roma arrivano 300.000 Tonnellate di rifiuti che finiscono alla SAF da lì in discarica e all'inceneritore di San Vittore del Lazio mentre solo una piccola percentuale viene recuperta dal trattamento. Cosa è cambiato dallo scorso anno? La Regione Lazio e il Comune di Roma forse hanno preso la popolazione della Provincia di Frosinone come cavie da laboratorio e quindi l'un per l'altro hanno aumentato prima la quantità di rifiuti bruciabili di 34.000 Tonnellate annue e poi sempre l'un per l'altro hanno autorizzato la linea 1 dell'inceneritore di San Vittore del Lazio che era ferma per obsolescenza dei macchinari. Il Comune di Roma imperterrito continua ad inviare in Ciociaria 300.000 Tonnellate di rifiuti l'anno. In buona sostanza se prima in Provincia di Frosinone c'erano 357 kg di rifiuti per abitante ora ci sono 941 kg di rifiuti per abitante. Fare Verde dichiara apertamente e senza alcun dubbio che la situazione è INSOSTENIBILE per il territorio Provinciale che ha già subito gravissime criticità ambientali come ad esempio quella della Valle del Sacco e per l'inquinamento dell'aria. Le soluzioni adottate dalla Regione Lazio e dal Comune di Roma sono a dir poco nefaste per la popolazione Ciociara che paga e pagherà un debito con l'Ambiente che non ha mai contratto. La nostra Associazione di protezione Ambientale chiede che venga ridistribuita in ambito regionale la quantità di rifiuti che vengono conferiti in Provincia di Frosinone in tutte le altre provincie del Lazio perché una piccola provincia non può sopportare il peso del danno ambientale procurato dalla Capitale d'Italia. Il principio di chi inquina paga non può essere riportato solo in termini economici perché la salute degli abitanti della Provincia di Frosinone non ha prezzo. In termini di democrazia: siccome la Provincia di Frosinone non è significativa per numeri si chiede il rispetto della minoranza etnica Ciociara residente che non può morire d'inquinamento solo perché chi vive altrove attua il principio che recita: SENZA I FESSI I DRITTI NON CAMPANO

Inceneritore di San Vittorie del Lazio riconducibile alla proprietà maggioritaria del Comune di Roma

sabato 22 aprile 2017

MSGC: OPERAZIONE "BARBAROSCIA"

Fare Verde Monte San Giovanni Campano è diventata un'arma letale per chi ha sconvolto il territorio con azioni imperdonabili e in questo caso è per la depurazione delle acque reflue urbane. L'Operazione "BARBAROSCIA" è solo un "momento significativo" della più ampia azione di contrasto rivolta contro il gestore del servizio idrico integrato e contro il Comune di Monte San Giovanni Campano che avrebbe dovuto tutelare il territorio e la popolazione dalle conseguenze procurate dalla cattiva gestione di tutti i depuratori.
Il depuratore sito nella frazione Porrino di Monte San Giovanni Campano è stato il primo ad essere preso di mira dalla nostra Associazione di Protezione Ambientale in quanto ubicato al confine con l'Area Verde BARBAROSCIA destinata all'infanzia.
E' noto a tutti gli abitanti dell'area che il depuratore non funzionava in quanto l'olezzo che disperdeva nell'aria era sentito in tutta la frazione ma nonostante ciò, e Fare Verde non ne comprende il motivo, non sono mai state inoltrate doglianze per le puzze nauseabonde che in taluni casi "appestavano" persino il bucato messo ad asciugare all'aria aperta che inevitabilmente assorbiva il fetore di fogna.
Fare Verde iniziò quindi l'OPERAZIONE BARBAROSCIA perché riteneva intollerabile che i bambini dovessero giocare alla presenza degli effluvi fognari e iniziò a presentare una serie di richieste al Comune di Monte San Giovanni Campano (che non ha mai dato alcuna risposta), all'Arpalazio e al Corpo Forestale dello Stato (Ora Carabinieri Forestali) ottenendo contravvenzioni per ACEA Ato 5 Spa e per il Comune di Monte San Giovanni Campano nonchè la sistemazione del depuratore che è in corso d'opeera. L'OPERAZIONE BARBAROSCIA non termina con la sistemazione del depuratore ed infatti come è suo solito Fare Verde annuncia la richiesta di verifiche per l'elettrodotto che sorvola l'Area Verde BARBAROSCIA ai sensi del DPCM 8 Luglio 2003 Art.3 Comma 2 che disciplina misure di cautela nelle aree gioco per l'infanzia. E' per questo motivo subito dopo la festa dedicata  alla Madonna del Suffragio verranno affissi i manifesti su tutto il territorio Comunale con la finalità di informare la popolazione sulle questioni ambientali che la riguardano direttamente e indirettamente. I manifesti saranno affissi per rendere consapevole la popolazione che non è difesa da NESSUNO ma ciò non vuol dire che Fare Verde chiede aiuto perché è conscia che manca ancora il concetto di eco cittadinanza in troppi Monticiani e solo un miracolo potrà indurre la popolazione a protestare per il proprio diritto di vivere in un ambiente sano. In buona sostanza Fare Verde agisce per i piccoli Monticiani che non hanno voce e non considera minimamente gli adulti che li costringono a vivere una qualità della vita che è sicuramente volta ad una valutazione pessima con aspettative pari allo zero assoluto per la qualità delle acque sorgive tutte inquinate, per la qualità dell'aria, per i rifiuti abbandonati , per la depurazione delle acque reflue urbane, per le frane che non vengono sistemate, per la gestione del servizio della raccolta differenziata, per il fenomeno dell'abusivismo edilizio, per l'inquinamento luminoso e appunto per gli elettrodotti che non dovrebbero passare su un'area verde destinata ai bambini.


venerdì 21 aprile 2017

Fare Verde Provincia di Frosinone non festeggia l'Earth Day

Il 22 di Aprile di ogni anno il mondo torna in campo per difendere l'Ambiente. La tutela delle risorse naturali, sempre più sovrasfruttate, e le minacce al Pianeta sempre più concrete a causa dei cambiamenti climatici, sono protagoniste indiscusse di questa 47/a Giornata della terra (Earth Day). L’obiettivo di Fare Verde Provincia di Frosinone è quello di colmare le lacune dell’informazione Ambientale perché tutti hanno diritto a un ambiente sano e sostenibile, ma occorre anche responsabilizzare tutti alla tutela delle risorse. Oltre un miliardo di persone in 193 Paesi partecipa all'evento, una voce unica contro l'inquinamento di aria, acqua e suolo, la distruzione degli ecosistemi, di migliaia di piante e specie animali, e l'esaurimento delle risorse non rinnovabili. La Provincia di Frosinone è un piccolo puntino se paragonata all’intera umanità ma anche da noi si vivono momenti terribili per le criticità Ambientali che sono gravissime e che già hanno alterato lo stile di vita della popolazione. Ad esempio la crisi idrica che attanaglia la Provincia di Frosinone ha già costretto numerose attività produttive ad abbandonare i Centri storici che sono ubicati nelle zone collinari per la penuria di acqua e ciò dovrebbe far riflettere ma la mancanza di una libera informazione Ambientale rende questo problema marginale se non addirittura ininfluente. L’inquinamento della Valle del Sacco ha sconvolto la vita nei Comuni dell’intera Valle con ripercussioni sulla salute della popolazione. Nonostante gli avvisi l’essere umano non comprende i pericoli e cerca di strafare con escamotage per realizzare strutture che inquinano come ad esempio nella Valcomino dove alcuni imprenditori senza scrupoli si stanno impegnando per avidità a costruire centrali a biogas per pirolisi tanto per distruggere una porzione rimasta pulita del nostro territorio provinciale. C’è stata l’emergenza per la qualità dell’aria e solo la mancanza di informazione non ha fatto capire alla popolazione che mentre gli venivano chiesti sacrifici gli stessi politici aumentavano la quantità dei rifiuti bruciabili in Provincia di Frosinone.
Se la popolazione non farà rete e non riuscirà a colmare le lacune della mancata informazione ambientale prestissimo si troverà ad affrontare l’emergenza sanitaria che ha già fatto capolino e Fare Verde questa volta avvisa: Mobilitatevi in difesa del territorio, della Natura e della Biodiversità perché se ci sarà emergenza sanitaria pesante collegata alle criticità Ambientali per molti sarà un’avventura senza ritorno. Fare Verde non riesce a festeggiare perché ci sono troppe brutture in Provincia di Frosinone ma comunque augura Buona Giornata della Terra a tutte quelle persone che si impegnano per proteggere il nostro territorio, la Natura e la Biodivesità dagli attacchi di gente che per avidità inquina e distrugge con auto lesionismo la terra in cui vive.


martedì 18 aprile 2017

Cari Ciociari fate vero SPIONAGGIO in favore della vostra terra e dei vostri cari.

Provincia di Frosinone: Qualità dell'aria. L'inverno 2017 è stato caratterizzato dall'emergenza Ambientale per la qualità dell'aria, c'è stato l'intervento della Regione Lazio con il P.I.O. (Piano d'intervento Operativo),della Magistratura, la classificazione del territorio con i vari interventi da realizzare, il divieto per tanti Cittadini di fare sport all'aria aperta, il divieto di portare i bambini a passeggio, il divieto assoluto del traffico veicolare, le targhe alterne, la chiusura delle scuole a Frosinone, il divieto di appiccare il fuoco in campagna, il divieto di detonare i fuochi di artificio, l'abbassamento del riscaldamento domestico ecc ecc. Come d'incanto l'emergenza Ambientale per la pessima qualità dell'aria non c'è più tanto che la Regione Lazio ha autorizzato l'inceneritore di San Vittore  del Lazio a riattivare la linea 1 che era ferma per questioni di revamping. Non finisce quì perchè la Regione Lazio è sicura di aver risolto il problema delle polveri sottili tanto è vero che ha autorizzato l'inceneritore a bruciare 24.000 tonnellate di rifiuti in più dopo che lo aveva già autorizzato ad un aumento di 10.000 tonnelate. In buona sostanza la Regione Lazio in pochi mesi ha autorizzato la combustione di ben 34.000 Tonnellate di rifiuti in più rispetto alla situazione che era antecedente all'emergenza Ambientale della qualità dell'aria. In tutto questo "traffico" di autorizzazioni c'è da precisare che la normativa Italiana rappresenta un compromesso tra causa ed effetto per le emissioni nell'aria in quanto i valori studiati dall'Organizzazione Mondiale della Sanità sono di molto inferiori a quelli permessi nella nostra Nazione. Due sono le cose: 1) Quelli dell'O.M.S. non capiscono un amato cavolo e sono dei ciarlatani da non prendere nella minima considerazione; 2) Alla Regione Lazio ci sono scienziati dotati di risorse scientifiche tali da oscurare il costrutto scientifico Internazionale. Fatto è che la Provincia di Frosinone è diventata una pattumiera con immondizia che arriva da ogni dove, vive problemi di approvvigionamento idrico che non ha precedenti in un Paese Civile, presenta criticità disastrose per la depurazione delle acque reflue urbane, ha tante discariche legali di rifiuti sotterrati, ha subito l'insulto delle eco mafie con i rifiuti tossici seppelliti, ha un problema gravissimo di inquinamento nella Valle del Sacco, non gestisce i rifiuti in modo corretto, ha problemi gravissimi per la qualità dell'aria, ha tante e forse troppe sorgenti di superficie inquinate con acque non potabili ecc ecc. Nonostante ciò sia laparte della  popolazione colpevole che i rappresentanti politici si ostinano ad inquinare di più con il silenzio tombale su questioni gravissime che già hanno ripercussioni letali sulle aspettative di vita della popolazione incolpevole. La Provincia di Frosinone si conferma SERVA dell'area metropolitana di Roma con politici asserviti che per loro tornaconto di potere agiscono fregandosene della salute della popolazione tanto per azzittire il populismo dei luoghi comuni dei loro antagonisti. In buona sostanza se a Roma milioni di abitanti creano criticità ambientali gravissime per i politici il modo migliore per risolverle è quello di trasferire tali criticità ai 500.000 schiavi abitanti della Provincia di Frosinone e al loro freddo cinismo non importa minimamente se ci saranno disumane sofferenze. Il brutto della faccenda? Gli pseudo politici della Provincia di Frosinone asserviti per numeri  avallano qualsiasi angheria rivolta alla popolazione pur di mantenere il loro status . I populisti opportunisti della politica stanno zitti perché anche i loro compagni di merende  procurano tante criticità. Chi ci va di mezzo? La popolazione  incolpevole che paga in ogni modo possibile e immaginabile le criticità procurate dalle cattive gestione altrui. Comunque tutti tranquilli tanto le criticità si risolvono con la semplice apposizione di una firma e i problemi svaniscono come per magia con il costrutto di fantasia del vivere quasi tutti felici e contenti nel nome dello sviluppo eccezion fatta per quelli che muoiono o si ammalano di malattie gravissime ma tanto questi ultimi non danno nessuna preoccupazione perché inevitabilmente si troveranno in situazione di bisogno e saranno costretti a svendere la loro dignità. Fare Verde Provincia di Frosinone lancia un appello alla parte sana dei politici, ai dirigenti di tutti i partiti, agli impiegati corretti degli enti pubblici e agli uomini e donne della Provincia di Frosinone: Inviateci documenti, dati, fate vero spionaggio per la vostra terra e per i vostri cari fornendo a questa Associazione informazioni preziose perché rimanere in silenzio significa concorrere alla distruzione del nostro territorio, del nostro ambiente, della nostra società e della nostra biodiversità.

lunedì 17 aprile 2017

L'incapacità del Comune di ROMA è ai danni della Provincia di Frosinone

Sono più di TRENTA ANNI che Fare Verde si batte contro l'incenerimento dei rifiuti ed ancora oggi la Regione Lazio si ostina a continuare la sua avventura senza ritorno autorizzando l'aumento dei rifiuti bruciabili. Caso emblematico è quello della Provincia di Frosinone che incolpevolmente si ritrova a bruciare anche i rifiuti di Roma che è palesemente INCAPACE. Per questo motivo Fare Verde Provincia di Frosinone dedica questo argomento al Sindaco di Roma Virginia Raggi e all'Assessore all'Ambiente della Regione Lazio Mauro Buschini che predicano bene mentre razzolano malissimo ai danni della Ciociaria che subisce il danno ambientale e alla salute. Da tanto tempo  esistono modalità di gestione dei rifiuti, alternative a quella dell'incenerimento. Soluzioni che sono già una realtà in molte nazioni europee, così come nel resto del mondo. Fare Verde per memoria del Sindaco Virginia Raggi e per quella dell'Assessore Buschini Mauro elenca le alternative all'incenerimento dei rifiuti  anche se sono TRENTA ANNI che le predica:

Alternativa 1 all’incenerimento dei rifiuti: riduzione e decostruzione

I rifiuti che possono essere smaltiti con più facilità sono quelli che non vengono prodotti. Un’ovvietà, sicuramente, ma anche una grande verità.
La prima soluzione alternativa all’incenerimento risulta essere quindi una riduzione dei rifiuti. Come ha fatto Berlino, che in sei mesi ha tagliato la sua produzione del 50%.
Come fare? Riducendo gli imballaggi e l’utilizzo di prodotti usa e getta.
Con la decostruzione si intende il metodo per separare e  i rifiuti composti da  beni durevoli, mobili, porte, finestre, materiali in legno, in ceramica e manufatti edilizi vengono riparati, riutilizzati e venduti. Questa tipologia di materiali che costituisce circa il 3% del totale degli scarti riveste però un grande valore economico che può essere valorizzato attraverso la costituzione di imprese locali a significativa resa occupazionale come molte esperienze del nord America ed in Australia ci dimostrano

Alternative all’incenerimento dei rifiuti  2: riuso

La seconda alternativa all’incenerimento è costituita dal riuso. Come ha fatto la Regione Piemonte che ha promosso l’utilizzo di prodotti alla spina. Dai generi alimentari, ai prodotti per la pulizia della casa.
Incentivare il vuoto-a-rendere, come avviene in molte città  dell’Europa, potrebbe essere la strada giusta da percorrere. E si può fare non solo con il vetro, ma anche con vari altri materiali.

Alternative all’incenerimento dei rifiuti  3: il compostaggio

Il compostaggio consente di trattare le parti di rifiuto umido (che rappresentano da sole il 30-40% dei rifiuti totali) e di riutilizzarle come concime biologico in agricoltura.
Un’alternativa intelligente che potrebbe essere incentivata attraverso il compostaggio domestico e di prossimità.

Alternativa all’incenerimento dei rifiuti  4: porta a porta

Il porta a porta, unito al compostaggio, ha permesso ad alcune città italiane , a un riciclo totale dei rifiuti dell’80%.
Il porta a porta, però, prevede un’educazione dei cittadini al riciclaggio. Questo consente di gestire in maniera intelligente i rifiuti e di eliminare i cassonetti dalle strade.
Gli impianti di incenerimento esistenti andrebbero dunque convertiti al riciclo dei rifiuti e ad impianti di compostaggio. Ed è proprio in questa direzione che dovrebbero essere spesi i nuovi investimenti per evitare l'inquinamento dell'aria e per evitare di costruire nuove discariche per i rifiuti speciali prodotti dagli inceneritori.

Alternative all’incenerimento 5: TMB a freddo

La parte non riciclata ( che può così variare dal 20% al 30% ) può essere trattata con il TMB (Trattamento Meccanico Biologico) a freddo e quindi non produrrà CDR ( Combustibile Derivato dai Rifiuti).
Il TMB si compone di due fasi distinte.
La prima fase consiste nel trattamento "meccanico" che permette di differenziare ulteriormente i rifiuti.
La parte secca del rifiuto viene quindi separata, depurando la frazione organica da sostanze estranee alla sua stessa natura.
La seconda fase prende il nome di “biologica” ed ha lo scopo di stabilizzare la frazione organica e renderla impiegabile per usi non agricoli  o come materiale per il recupero paesaggistico di aree degradate, riempimento dei manti stradali o delle vecchie cave. Lo scopo finale è quello di rendere inerti i materiali organici attivi in modo da ridurre del 90% il loro impatto ambientale.

Corollario all'incenerimento dei rifiuti: 
Fungono da volano, contro l'incenerimento dei rifiuti, a favore dell'economia circolare  i Consorzi obbligatori per il recupero delle materie prime seconde, gli Acquisti Verdi (GPP) per le pubbliche amministrazioni, l'educazione Ambientale e l'amor proprio dei Cittadini che dovrebbero avere a cuore l'Ambiente in cui vivono e la loro salute.

Fare Verde spera infine che sia il Sindaco di Roma Virginia Raggi che l'Assessore all'Ambiente per una questione di ONESTA' intellettuale prendano la saggia decisione di andare ad abitare nel Comune di San Vittore del Lazio per condividere con la popolazione l'aria respirata.
La Provincia di Frosinone non può morire di mal d'aria per il menefreghismo di chi è INCAPACE di gestire la filiera dei rifiuti.



 

sabato 15 aprile 2017

La banda degli onesti invia regali tossici in provincia di Frosinone

Fare Verde si è rivolta direttamente alla Procura di Frosinone , al Sig. Prefetto di Frosinone e all'Arpalazio Sez di Frosinone nel merito dell'inceneritore di San Vittore del Lazio.
Alle Autorità è stato chiesto di attuare il principio di precauzione in quanto il territorio e la popolazione della Provincia di Frosinone sono rimasti vittima dell’emergenza ambientale causata dalle polveri sottili. E' stata evidenziata l'incoerenza del P.I.O. (Piano di Intervento Operativo) visto che la Regione Lazio ha autorizzato nuove emissioni dal termovalorizzatore (inceneritore) di San Vittore del Lazio e l’aumento di 24.000 Tonnellate annue di rifiuti da bruciare.
Fare Verde ha cercato le cause che hanno indotto il ripristino della linea dell'inceneritore e quindi non accetta le spedizioni di rifiuti dal Comune di Roma che per evidente incapacità gestionale di chi lo amministra riversa i rifiuti in Provincia di Frosinone come non può accettare che i rifiuti del Comune di Roma vengano bruciati nell'inceneritore di San Vittore del Lazio perché si producono emissioni che aggravano l'emergenza ambientale che ha già colpito la provincia di Frosinone.
Per questi motivi ha chiesto alla Magistratura Frusinate di bloccare le emissioni dell'inceneritore di San Vittore del Lazio con un intervento di rigore in modo che possano essere studiate le emissioni delle nanopolveri ritenute dalla scrivente Associazione di Protezione Ambientale dannose per la salute.

Il Principio di Precauzione Ambientale è sancito dal trattato UE vigente il cui principio interpretativo è sottolineato dalla Sentenza del Consiglio di Stato (sentenza 4227/2013) secondo il quale il principio di precauzione che “fa obbligo alle Autorità competenti di adottare provvedimenti appropriati al fine di prevenire i rischi potenziali per la sanità pubblica, per la sicurezza e per l’ambiente” , si distingue dal principio di prevenzione “ponendo una tutela anticipata rispetto alla fase dell’applicazione delle migliori tecniche”. L’applicazione del principio di precauzione fa sì “che ogni qual volta non siano conosciuti con certezza i rischi indotti da un’attività potenzialmente pericolosa, l’azione dei poteri debba tradursi in una prevenzione anticipata rispetto al consolidamento delle conoscenze scientifiche”.
Questo è il modo per stroncare lo scaricabarile delle responsabilità tra la Regione Lazio che autorizza le linee dell'inceneritore e il Comune di Roma. Diatriba riconosciuta pubblicamente dall'Assessore all'Ambiente della Regione Lazio Buschini che addossa le responsabilità al Comune di Roma e quindi al Sindaco Virginia Raggi perché invia in Ciociaria circa 300.000 tonnellate di rifiuti l'anno.
Tra i due litiganti la Ciociaria non può morire di mal d'aria per soddisfare le esigenze di entrambi i politici che ostentano ONESTA'.
Di seguito le foto della banda degli onesti che presto sarà invitata da Fare Verde a cambiare il domicilio nel Comune di San Vittore del Lazio che ospita l'inceneritore.

Il Sindaco di Roma




L'Assessore all'Ambiente della Regione Lazio

mercoledì 12 aprile 2017

IL TURISMO IN CIOCIARIA: NUOVE OPPORTUNITA' DI SVILUPPO

La promozione turistica in Ciociaria

Ci sono una serie di motivi che rendono desiderabile un territorio, come la sua posizione geopolitica, la dotazione infrastrutturale,la qualità e la quantità di investimenti, gli aiuti economici ad esso riservati, il grado di connessione con i mercati mondiali, il sistema creditizio, ma soprattutto, in buona parte, ciò che rende valido un territorio sono le sue capacità interne. Da qui inizia il percorso di studi sulla valorizzazione del territorio ciociaro.
Il presente articolo vuole essere un contributo alla sensibilizzazione della cittadinanza alla rivalutazione del proprio paese e ad una migliore cooperazione tra istituzioni pubbliche e organismi di diritto privato. Infatti se riuscissimo a costruire e proporre una nuova identità socioculturale potremmo rendere la provincia di Frosinone realmente concorrenziale rispetto agli altri competitors territoriali e potremmo offrire nuove opportunità di sviluppo socioeconomico e di crescita occupazionale. Mediante la riforma del Titolo V della Costituzione  e l’istituzione della Legge 217/1983 successivamente modificata con la legge 135/2001 alle regioni è demandato il compito di legiferare in materia turistica e di promuovere il turismo locale. Già nel 2003 la regione Lazio ed in particolare la Camera di Commercio di Frosinone, hanno realizzato, in collaborazione con il Consorzio Civita, una relazione sulla costituzione di un Distretto Culturale che aveva l’obiettivo di accelerare il processo di valorizzazione dell'asset territoriale rappresentato dai beni culturali e dalle altre risorse del territorio(http://www.civita.it/Civita-Cultura-Holding/Attivita/Promozione-e-innovazione-del-territorio/Progetti/Distretto-culturale-di-Frosinone). I poli attorno a cui si è costruito il distretto culturale di Frosinone sono formati sia dai paesi del frusinate che da quelli extra provinciali ma che comunque hanno una rilevanza socio-culturale: il Paese Ernico, Montecassino ed il Cassinate, Fiuggi, Val Comino, Arpino, i Monti Simbruini ed i Monti Aurunci. Il Distretto Culturale, delimitato territorialmente, è un sistema di relazioni che integra il processo di valorizzazione delle dotazioni culturali, sia materiali che immateriali, con le infrastrutture e con gli altri settori produttivi che a quel processo sono connesse.
L’obiettivo principale di codesto lavoro è la promozione turistica della Ciociaria, inizieremo da una panoramica generale per analizzare – successivamente – i singoli territori. Il tutto mediante la ricerca di fonti statistiche circa i flussi turistici del luogo. Abbiamo posto l’attenzione sull’organizzazione turistica pubblica ed in particolare sulle aziende di promozione turistica, organo demandato alla cura ed alla  valorizzazione del territorio.
Lo studio si è articolato secondo una serie di fasi:
a) raccolta di informazioni presso le I.A.T della provincia di Frosinone;
b) studio approfondito delle brochures e dei depliants;
c)sintesi dei dati statistici raccolti;

La metodologia

Nella prima sezione dell’elaborato, si è suddivisa la Ciociaria in sette poli attrattori individuati come già esistenti nella provincia di Frosinone e che sono: il Paese ernico - con le quattro città di Anagni, Alatri, Veroli e Ferentino - Montecassino e il Cassinate, Fiuggi e la Val di Comino, dotati di risorse di livello nazionale; i Simbruini, Arpino e gli Aurunci, attrattori di livello extraprovinciale.
Un ulteriore approfondimento di analisi è stato possibile sia attraverso la raccolta presso le IAT e presso le ATP, di brochures, volantini ed opuscoli informativi, a cui hanno partecipato Enti locali, istituzioni culturali, musei, associazioni di categoria coinvolti dal progetto sopra menzionato, sia attraverso lo studio del territorio in modo peculiare delle abbazie, santuari e pellegrinaggi, archeologia industriale, mura poligonali, castelli medievali, feste storiche, ecc.
Nella seconda parte dell’elaborato è stata delineata la strategia di valorizzazione di ciascun polo. Infatti per ognuno dei poli individuati, viene descritto nel dettaglio un inquadramento territoriale rispetto ai propri temi dominanti (cenni storici, patrimonio ambientale, patrimonio storico- artistico, prodotti tipici, artigianato, eventi culturali e folkloristici, ricettività).
La terza parte dell’elaborato si compone della sintesi dei dati statistici raccolti, puntando l’attenzione sui tabulati statistici che riguardano il movimento turistico alberghiero ed extra-alberghiero.

Il territorio della Ciociaria

Di seguito sono stati riportati sinteticamente alcuni tra i paesi della Ciociaria, individuano per ciascuno di essi le risorse culturali, paesaggistiche che le caratterizzano.
Geograficamente, il territorio della Ciociaria si sviluppa ai piedi dei Monti Ernici, da qui il nome dell’omonima popolazione.
La regione storica della Ciociaria, millenario ponte geografico tra Roma e Napoli, coincide quasi perfettamente con la provincia di Frosinone ed alcuni comuni delle provincie di Roma e Latina. L’origine del nome deriva dalle “ciocie”, antichissime e caratteristiche calzature portate una volta dai suoi pastori, fatte di un solo pezzo di cuoio, fermato al piede da stringhe, anche esse di cuoio, e avvolte attorno al polpaccio, a sua volta rivestito da una fascia di tela bianca. La storia e lo spirito della Ciociaria si sono forgiate in intima connessione con le forme del territori. Dall’epoca pre-romana, con le antichissime acropoli circondate da mura megalitiche, all’età imperiale, con prospere città sulla via Latina. La terra che vediamo oggi è però soprattutto quella che ha preso forma nei primi secoli del Medioevo, con l’opera civilizzatrice delle abbazie Benedettine e lo splendore delle Città dei papi.
Una terra da scoprire e conoscere attraverso un viaggio nel passato tra storia, mito e leggenda sulle orme di Cicerone, San Tommaso e San Benedetto.

La storia della Ciociaria

L’aspetto peculiare della Ciociaria preromana è caratterizzato dalla presenza di città completamente cinte di mura in opera poligonale e indicate dalla tradizione popolare come le città dei ciclopi, fondate secondo il mito dal dio Saturno.
Questi vivaci paesi sono per lo più arroccati sui rilievi collinari e il loro tessuto urbano è segnato dalle varie civiltà (preromana, romana, medievale, rinascimentale, barocca), che hanno lasciato preziose testimonianze della propria cultura.

I Comuni :

Alatri

Alatri è caratterizzata da imponenti cinte murarie di epoca preromana e, per tale ragione, venne definita come la città dei ciclopi. La cinta muraria, risalente al IV secolo a.C., circonda completamente l’area dell’Acropoli, a cui si accede attraverso due porte: Porta Maggiore, coperta da un enorme architrave monolitico, e Porta Minore, dove sono scolpiti 3 falli come simbolo apotropaico di fecondità e protezione dell’antica comunità ernica. Sulla spianata, sede dei templi pagani, sorgono oggi l’Episcopio e il Duomo di San Paolo, dove sono custodite l’ostia incarnata, miracolo eucaristico del 1228, e le reliquie di Papa Sisto I, patrono di Alatri.
Per approfondire la conoscenza storica della città ernica e romana, è opportuno visitare il Museo civico, allestito presso l’antico Palazzo Gottifredi, dove è stato ricostruito anche il modellino del tempio etrusco italico, rinvenuto in questo territorio e conservato presso il Museo Nazionale di Villa Giulia a Roma.
Un’altra preziosa reliquia, venerata dagli alatrensi, è un lembo del mantello di San Francesco, conservato presso la chiesa intitolata al poverello di Assisi; si consiglia una passeggiata lungo le piagge per raggiungere la suggestiva Chiesa di San Silvestro con resti di affreschi del XII-XIII secolo.

Anagni

Antica città sacra agli Ernici, Anagni rivestì sempre un importante ruolo religioso e politico. Durante il periodo ernico, la città era completamente cinta dalle mura in opera poligonale, di cui oggi sono visibili poche tracce, lungo il versante settentrionale all’antica acropoli, databili tra il V e IV secolo. In età romana, questa cinta muraria fu ampliata fino a comprendere l’eniciclo degli Arcazzi di Piscina, probabili terrazzamenti di una costruzione termale della fine del III/inizio II secolo a.C., e i resti delle Mura Serviane, dove sul pilastro centrale è scolpito un simbolo fallico. Purtroppo, nel corso dei millenni la cinta muraria ha subito numerosi rimaneggiamenti.
Attualmente l’aspetto più peculiare dell’abitato di Anagni, città natale di quattro pontefici, (Innocenzo III, Gregorio IX, Alessandro IV, Bonifacio VIII), è il suo centro storico di aspetto medioevale. Tra i monumenti, spicca per importanza artistica la superba Cattedrale romanica di Santa Maria con la sua cripta affrescata, il duecentesco Palazzo Papale, teatro del celebre “schiaffo di Anagni”, l’ardita architettura della Sala della Ragione nel Palazzo Comunale, espressione massima del potere civile della comunità anagnina, costruito tra il 1159 e il 1163 da Jacopo da Iseo, uno dei rappresentanti  delle città lombarde, venuti a stipulare i “patti di Anagni” con Papa Adriano IV, contro l’Imperatore Federico Barbarossa.
Da ammirare, nella Chiesa di San Andrea, il Trittico del Salvatore, splendida opera del XII secolo di scuola romana. Di fronte alla chiesa si trova la famosa casa Barnekow, interessante esempio di casa medioevale, decorata nell’800 con affreschi esoterici dal pittore svedese Barnekow. Molti sono i monumenti da soprire in questa splendida cittadina, che va visitata passeggiando nei vicoli, o lungo i viali alberati alla fine dei quali si aprono grandi piazze, dove si affacciano splendidi edifici antichi, come la chiesa di San Pietro in Vineis, un monastero di cui si hanno le prime notizie a partire dal XII secolo. La chiesa romanica conserva ancora il pavimento cosmatesco e interessanti affreschi del XII e XIV secolo.

Arpino

Sulla sommità di Arpino, nel quartiere Civitavecchia, troviamo uno dei monumenti più stupefacenti del periodo pre-romano: l’arco a sesto acuto, antica porta aperta sulle mura in opera poligonale, costruite per difendere l’antica Arx. L’arco è costruito da una serie di grandi massi disposti ad incastro, senza l’ausilio di malte cementizie. Nel Medioevo, lungo queste mura, vennero aggiunte numerosi torri, che resero il  borgo un importante punto strategico a difesa del sottostante nucleo di Arpino.
Secondo un’antichissima leggenda, qui scelse di vivere Saturno divinità protettrice dell’agricoltura.
Ancora resti di mura poligonali s’incontrano salendo verso il quartiere Civita Falconara, sulla cui sommità sorge il Castello di Ladislao Durazzo.
Cuore del paese è l’elegante piazza Municipio, delimitata su tre lati dal Palazzo Boncompagni, attualmente sede del Centro Internazionale Umberto Mastroianni, celebre scultore del ‘900, dal Convitto Nazionale Tulliano, sede del prestigioso liceo ginnasio, che ogni anno ospita la manifestazione del Certamen Ciceronianum Arpinas, gara di traduzione e commento di un brano di Marco Tullio Cicerone, una manifestazione di risonanza europea, che registra la partecipazione di centinaia di liceali europei. Una visita alla bella Chiesa parrocchiale di S. Michele consente di ammirare i dipinti del pittore Giuseppe Cesari, noto come il Cavalier D’Arpino, e di importanti esponenti della cultura del barocco romano.

Atina

Nell’antichità, Atina venne considerata come l’ultimo centro difensivo contro il Sannio e, grazie alle risorse del suo territorio, ricco di limonite, e al coraggio dei suoi uomini, venne definita “potens” da Virgilio.
Nelle sale del Museo Comunale, è possibile avere una precisa idea dell’importanza strategica rivestita da questo paese, circondato  da mura in opera poligonale, e collocato su rilevanti vie di collegamento per il commercio, tra la Campania e l’Etruria. Anche in epoca medievale, Atina rivestì il ruolo di importante centro amministrativo della Valle di Comino e qui fissarono la loro dimora i Signori Cantelmo, che provvidero alla ristrutturazione del Palazzo Ducale, dopo il violento terremoto del 1349. la possente mole del castello occupa gran parte di Piazza Saturno, la cui sobria facciata è ingentilita da belle bifore e torri.
Al secondo piano del palazzo, si trova un grande mosaico romano a tessere bianche e nere (II sec d.C.), raffigurante quattro eroi armati e proveniente dai resti di un’antica domus.
Alle spalle del castello, si trova la parrocchiale dell’Assunta decorata con tele di L. Velpi, che ricordano le storie di San Marco Galileo, patrono della città.

Ferentino

Ferentino è tra le città ciociare ad avere il maggior numero di monumenti ed epigrafi romane. Il nucleo urbano più antico è completamente circondato dalle mura in opera poligonale, sulle quali si aprono numerose porte, di cui la più antica è Porta Sanguinaria, così detta perché, presumibilmente, era l’ultimo passaggio dei nemici di Ferentino. Qui si apre anche un criptoportico romano, conosciuto come il carcere di S. Ambrogio, patrono della città, vittima delle persecuzioni di Diocleziano. Particolarmente belle sono le due chiese più grandi del paese, il Duomo romanico di San Giovanni e la Chiesa gotico cistercense di S. Maria Maggiore. Nel duomo sono da ammirare il pavimento a mosaico dei Cosma, il cero pasquale, la sedia episcopale del Vassalletto e uno dei più bei cibori medievali, opera di Drudus de Trivio. Spicca, per la sua elegante linea architettonica, la Chiesa di Santa Maria Maggiore, costruita, all’inizio del XIII secolo, come grangia alimentare della vicina Abbazia di Calamari, di cui ne ripete la semplicità e la purezza dello stile gotico cistercense.
Poco distante dal centro abitato, su una collina, si trova il cenobio celestino, dedicato a S. Antonio, e per molto tempo, luogo di sepoltura di papa Celestino V.

Frosinone

Frosinone, chiamata in passato Frusino, importante capitale del regno dei Volsci, a capo della rivolta dei popoli Ernici  contro Roma, poi venne Municipium romano e quindi parte dello Stato della Chiesa. Un ruolo da prima donna che non ha mai ceduto e ancora conserva quale capoluogo di tutta la Ciociaria. Come molte cittadine del circondario, anche Frosinone è cresciuta su di un colle da cui torreggia la valle del Sacco. Il centro storico è dominato dal Palazzo della Prefettura e dall’imponente profilo barocco della chiesa di San Benedetto. La Cattedrale dell’Assunta era romanica ma ha sofferto di varie manipolazioni anche dopo l’ultima guerra: resta il campanile a tre piani di bifore, a testimoniare lo stile originario. Il nobile passato dell’antica Frusino è invece emerso sotto un moderno palazzo sul viale Roma: qui giacciono i resti dell’anfiteatro romano. Dell’età romana non restano molte testimonianze visibili, anche se al museo archeologico comunale si possono ammirare numerosi reperti.

Veroli

Nella parte più alta della città di Veroli, a 700 metri di altezza, si trova la Rocca di San Leucio, cinta dalle mura in opera poligonale, alle quali sono state appoggiate, nel Medioevo, mura e torri, per rafforzare questa antica fortezza ernica.
Durante il periodo ernico, Veroli fu una delle città a capo della Lega Ernica, in lotta contro Roma. Divenuta più tardi fedele alleata dell’Urbe, a Veroli fu concesso l’onore di festeggiare le stesse festività di Roma, come è testimoniato dai Fasti Verulani, frammento di calendario marmoreo del I secolo d.C., posto nel cortile di casa Reali; esso ricorda le festività dei primi tre mesi dell’anno, i giorni nefasti, i comiziali, gli intercisi.
La sua eccezionale posizione strategica la rese, per lungo tempo, inespugnabile e qui trovarono prigionia o rifugio, re, imperatori e papi. È in questo borgo che si trova la chiesa più antica di Veroli, dedicata a San Leucio (XI secolo); le sue dimensioni ridotte e la semplicità dello stile ne fanno uno dei tesori della cittadina, ricca di storia, arte e cultura.

Isola del Liri-Sora

Nel cuore della Valle del Liri, in una fertile conca che fa da nido alla città, ecco Sora, antica città dei Volsci. La cittadina si allarga sotto il massiccio profilo del monte San Casto sulla cui sommità domina la Rocca del XVI secolo, baluardo voluto dai Della Rovere a difesa della città. Il fiume Liri, quieto e dalle verdi sponde, lambisce il centro storico più antico. Sora ha nel suo territorio numerose chiese e conventi che oltre a raccontate la fede dei suoi cittadini, raccontano la storia della città. A cominciare dal Duomo di S. Maria costruito sui resti di un tempio romano nell’XI secolo e poi ricostruito in stile cistercense nel 1229 con il portale romanico che anticipa la facciata. Di notevole interesse artistico l’abbazia di San Domenico del XI secolo.
Isola del Liri è forse il solo centro nel nostro Paese che sia attraversato da un fiume che diviene nel centro città una grandiosa cascata che risuona in un salto di 30 metri. Ad aggiungere fascino ad un tale spettacolo naturale, un imponente maniero domina dall’alto. È il castello Boncompagni-Viscogliosi, un prodigioso esempio di edilizia medievale anche se rimaneggiato nei secoli successivi.

Boville Ernica-Monte San Giovanni Campano

Difeso da mura medievali movimentate da 18 torri, ora tonde ora quadrate, Boville Ernica sorge su di un colle che guarda e domina la valli del Liri, del Cosa e del Sacco. La cittadina è circondata da un’aria barocca leggermente invecchiata ma pur sempre di gran fascino. Quest’aria baroccheggiante si gusta soprattutto nella piazza di Sant’Angelo con la bella parrocchiale di San Michele Arcangelo dalla facciata settecentesca dilavata dal tempo. Unico e preziosissimo è il mosaico composto da Giotto conservato nella Chiesa di San Pietro Ispano. Inaccessibile, fortificato, Monte San Giovanni Campano rappresenta molto bene il fenomeno dell’“incastellamento” legato alla costruzione dello Stato Pontificio. Al centro del nucleo storico a “cupola”   spicca il Castello ducale dei Conti d’Aquino dove fu rinchiuso San Tommaso. Procedendo sulla provinciale, a pochi chilometri, si trova il borgo dal nome più curioso: Strangolagalli. Un’etimologia tanto fantasiosa ha sviluppato diverse ipotesi; ma messe da parte le leggende un po’ cruente, arrivare a Strangolagalli è un’esperienza gradevolissima per l’occhio: il panorama è paradisiaco. Le colline proteggono ed esaltano il piccolo paese facendone un borgo naturalmente protetto e inserito in un ecosistema gradevolissimo.


La Ciociaria: la natura

Le magie dei Monti Ernici

Tra le molte aree naturalistiche di grande interesse nel territorio della Ciociaria, i Monti Ernici sono certamente una meta obbligatoria per ogni appassionato di escursionismo e ambiente. A pochi chilometri da Veroli, Prato di Campoli con le sue faggete, dove trovano spazio pregiate colonie di agrifoglio, ha una porta d’accesso privilegiata per entrare nel mondo magico della montagna appenninica. La primavera in questa zona ha un’autentica esplosione di colori, ma il momento più  entusiasmante per scoprire i particolare e dettagli più nascosti del mondo alpestre sono i mesi del tardo autunno e di fine inverno, quando le folte chiome dei faggi devono ancora nascondere il variegato universo del sottobosco. La pietra calcarea e il faggio, illuminati dalle luci traverse delle corte giornate di novembre e febbraio, svelano sfumature e atmosfere che la stagione calda confonde in un delirio di verde. Proprio in questo periodo , liberato dall’affollamento di gitanti dei mesi estivi, camminando lungo il reticolo di sentieri che circondano Prato di Campoli non è difficile incontrare gli abitanti della montagna : volpi, istrici, la simpatica puzzola e il cinghiale, il rintocco ritmato del picchio che interrompe il silenzio della foresta , il volo scomposto e veloce dell’upupa , mentre nel cielo l’aquila reale volteggia in ampi cerchi sopra le cime e i crinale, in questa stagione spesso ancora coperti di neve. In estate, invece, protagonista della vita sui pascoli della zona sono le mandrie di bovini e ovini che da maggio a settembre vivono allo stato semibrado sull’altipiano

Il Lago di San Giovanni Incarico

Situata nella valle del Liri, nel tratto in cui questa si allarga tra il massiccio del Monte Cairo a nord e quello degli Musoni-Aurunci a sud. La riserva si estende nel territorio dei comuni di S. Giovanni Incarico, Arce, Ceprano e Falvaterra per circa 725 ettari. Istituita nel 1999, riveste carattere di notevole interesse archeologico per l’affioramento di resti delle antiche città  di epoca romana che le danno il nome. Inoltre, la presenza di particolari specie vegetali e animali evidenziati la grande potenzialità  dell’ambiente; la vegetazione delle zone umide è rappresentata da canna di palude e tifa e ai margini dei corsi d’acqua da Iris pseudo-acorus. Allontanandosi dai corsi d’acqua il canneto viene sostituito da pioppi, salici, ontani e da rubinetti e querceti. La fauna è varia e numerosa: libellule, coleotteri, farfalle; negli acquitrini si trova la carpa, la tinca, il cavedano, il persico sole; tra i rettili il colubro d’Esculapio e il biacco. Tra gli uccelli sono presenti l’airone rosso, la garzetta, la pittima reale, il beccaccino, i corrieri, il cavaliere d’Italia, il totano moro, la pantana, il nibbio bruno, il falco di palude, la poiana. Tra i mammiferi sono presenti la donnola, il tasso, la faina, la volpe il riccio.

Il Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise

La parte sud-occidentale della provincia di Frosinone, dalla Valle di Canneto alle Mainarde, rientra nei confini della più conosciuta area protetta d’Italia. Pur avendo solo un mese in meno rispetto al Parco Nazionale del Gran Paradiso, è considerato il più vecchio della penisola perchè già  nel 1907 la Società  Pro Montibus et Silvis aveva proposto la tutela di questa zona, sicuramente uno degli angoli più belli e meglio conservati dell’intera catena appenninica. Il lupo, l’orso e la lince (in base ad alcune autorevoli segnalazioni che autorizzano a considerare la sua presenza nell’ambito del Parco) sono i più rappresentativi mammiferi della fauna continentale a rischio di estinzione e hanno trovato nei recessi più nascosti delle foreste del Parco un habitat ideale alla loro sopravvivenza. Anche il picchio nero tra i volatili e il pino mugo, presente in questa zona con l’unica colonia al di fuori delle Alpi, testimoniano una straordinaria biodiversità .

Il Parco dei Monti Simbruini

Distribuito tra le provincie di Roma e Frosinone, con i suoi 30.000 ettari è il parco più esteso del Lazio, con cime che superano i 2000 metri, come il Monte Viglio di 2156 metri di altitudine. Ricco di fenomeni carsici, questo territorio montuoso è caratterizzato da un’abbondanza idrica conosciuta fin dall’epoca romana da cui deriva il nome sub imbriubus, sotto le piogge – e da vaste foreste di faggio e querceti, che ne ricoprono oltre i due terzi. Numerosi gli avvistamenti di orsi e lupi in gita dai territori del vicino Parco d’Abruzzo, mentre tra le rocce più impervie nidificano il falco pellegrino e il lanario. Paradiso per il trekking, il territorio del Parco è attraversato dal Sentiero Italia.

Il Parco dei Monti Aurunci

Tra Frosinone e Latina, la catena dei monti Aurunci domina il litorale di Formia con pittoreschi dirupi che digradano verso il mare. Anche qui il paesaggio è caratterizzato dal fenomeno carsico, le cui espressioni più evidenti sono rappresentate dalle doline (depressione del terreno originate dallo sprofondamento della volta di cavità  sotterranee), generalmente riempite da terre rosse e rocce modellate in maniera caratteristica (lapiez, solchi carsici o docce, vaschette di corrosione, ecc.) che caratterizzano fortemente il paesaggio. Le forme sotterranee sono rappresentate da pozzi e gallerie, a prevalente sviluppo verticale, di grande valore ambientale. Una delle grotte più interessanti e famose è la grotta dei Serini nel territorio del comune di Esperia, che rappresenta un’attrazione per speleologi esperti. Le numerose specie vegetali si possono osservare soprattutto nei mesi di maggio e giugno e per gli amanti delle orchidee il Parco è un vero paradiso, infatti nel suo territorio fioriscono circa 50 specie e numerosi ibridi naturali. Tra gli anfibi, da sottolineare la presenza del Tritone italiano. I siti riproduttivi, mancando nel territorio importanti raccolte d’acqua, come stagni, fiumi, ruscelli, sono principalmente composti da fonti d’acqua artificiali come pozzi in pietra, cisterne, vasche ed abbeveratoi. Interessante è sicuramente la salamandrina dagli occhiali (Salamandrina tergiditata) essendo diffusa esclusivamente nelle regioni montane italiane del versante tirrenico.

Il Lago di Canterno

La Riserva ha una superficie di 1824 ettari, interessa territori situati nel comprensorio di Anagni, Fiuggi, Fumone, Torre Cajetani, trivigliano (comuni della Provincia di Frosione). È  situata quasi a ridosso del Massiccio degli Ernici tra i rilievi che dalla Valle del Sacco si snodano verso la Piana di Fiuggi. Le formazioni boschive, costituite da querceti con prevalenza di Cerro e boschi misti di latifoglie, che coprono gran parte del gruppo Monte Porcino La Monna, si trovano soprattutto nei versanti settentrionali e orientale dei rilievi, dove sono anche presenti rimboscamenti a conifere. La fauna è rappresentata principalmente da specie tipiche delle zone umide, in particolare trampolieri e rallidi come l’airone cenerino, l’airone rosso, la garzetta e la gallinella d’acqua. Le zone di fondovalle sono interessate da una fitta trama geometrica di appezzamenti suddivisi da siepi e scoline, che costituiscono un pregevole esempio di paesaggi agrario.

I Monti Lepini

Originati prevalentemente da fenomeni carsici, ipogei ed epigei, i Lepini costituiscono insieme ai Monti Ausoni ed Aurunci la catena preappenninica del Lazio meridionale. Il territorio risente dell’incontro tra condizioni bioclimatiche differenti che si riflettono sulla vegetazione a carattere mediterraneo e sudtropicale sui versanti sud occidentali, continentale su quelli settentrionali ed orientali. Tra le specie rare di rilevanza botanica, oltre alle orchidee, segnaliamo l’agrifoglio e il Taxus baccata, quest ultimo presente in numero esiguo d’esemplari in stazioni isolate, testimone vivente di un’antichissima vegetazione ormai scomparsa e risalente a più di 100 milioni di anni fa (periodo Mesozoico). Il patrimonio faunistico è ben rappresentato da specie erpetologiche (Colubro di Riccioli e Salamandrina dagli Occhiali) e dall’avifauna (160 specie di uccelli di cui 64 stazionarie).

Le Terme Varroniane

Tra Roma e Napoli, poco distante dal casello autostradale di Cassino e dal centro abitato, sorge il complesso turistico Terme Varroniane immerso in una lussureggiante vegetazione e ricco di sorgenti di acqua oligominerale, il complesso turistico è aperto tutto l’anno e si offre a voi con tutti i suoi conforts: camping internazionale, visita al parco privato, aree ed attrezzature per picnic, cure idropiniche, sala congressi (ristoro), pista da ballo, attrezzature sportive. È  il luogo ideale per il vostro tempo libero dove potete organizzare indimenticabili feste, concerti, raduni, gite scolastiche, ecc. Camping, corrente elettrica, camper service, gettatoio, WC chimico. Cure termali gratuite per i campeggiatori.



Le Terme di Pompeo

Le acque sulfuree bicarbonato calciche sono note fin dall’epoca romana. A Domitilla, nativa di Ferentino, moglie di Vespasiano e madre degli imperatori Tito e Domiziano è riferita la costruzione delle Antiche Terme. Nel 1854 la famiglia Pompeo diede vita ad uno dei primi stabilimenti termali dell’era moderna, sviluppatosi nel corso degli anni fino alla costruzione nel 1984 del nuovo stabilimento, imponente e moderna struttura. Dalle Terme di Pompeo, posta al centro della splendida Ciociaria, si raggiungono varie e stupende località : ad un chilometro da Ferentino, cittadina di origine pre-romana. Di particolare interesse sono le Mura Urbane, le Porte di accesso, il Complesso dell’Acropoli con l’annesso Mercato Romano Coperto.L’acqua delle Terme Pompeo, per la loro composizione sulfurea-bicarbonato-calcica, ha un’ampia gamma di applicazione per la cura di numerose patologie. Le affezioni delle vie respiratorie vengono trattate mediante inalazioni, aerosol e polverizzazioni; per le malattie dell’orecchio-naso-gola si ricorre a insufflazioni endotimpaniche, ventilazioni polmonari, irrigazioni nasali e ginnastica respiratoria; bagni caldi con idromassaggi vengono impiegati nella terapia delle forme artroreumatiche e dermatologiche, mentre l’ozonoterapia è utilizzata per le vasculopatie; infine, i più comuni disturbi della sfera ginecologica sono trattati con irrigazioni vaginali con bagno caldo. Completa l’offerta dei servizi termali un centro per la rieducazione tubarica e foniatrica: la prima a completamento del ciclo di cura previsto per la sordità  rinogena, la seconda per la cura e la prevenzione delle alterazioni funzionali ed organiche delle corde vocali. Per le bronchiti croniche viene proposto il ciclo di ventilazione polmonare abbinato alla ginnastica respiratoria. L’attrezzato e moderno complesso termale, immerso in un parco secolare, è dotato inoltre di due piscine termali e del qualificato Centro Bellezza-Benessere Portofino che è in grado di prendersi cura della bellezza degli ospiti delle Terme offrendo trattamenti personalizzati per il viso e per il corpo.

La Riserva Naturelle del Lago di Posta Fibreno

Ambiente suggestivo e molto ben conservato, era considerato già  ai tempi dell’impero Romano una nota località  turistica, decantata persino da Cicerone. Oggi la Riserva appare al visitatore come un lago di acque limpidissime, un sito di grande valenza ambientale e paesaggistica, oltre che ricco di particolarità  uniche come l’isola galleggiante (un’isola di torba che si sposta con l’andamento delle correnti) o la nàue, una caratteristica ed antichissima imbarcazione locale. Ma la vera ricchezza della Riserva sono le sorgenti del Fibreno, alimentate da un’area montuosa di 400-500 chilometri quadrati (i monti del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise) e con una portata di 10 metri cubi di acqua al secondo, una fra le più importanti del centro Italia. In questo particolare ambiente trovano rifugio importanti presenze dell’avifauna, quali aironi, garzette e rapaci e specie ittiche endemiche come il carpione del Fibreno e la trota macrostigma.

Le Terme di Fiuggi

Tutto è nato dall’acqua. Una piccola sorgente d’acqua che attirava, già  nel Medioevo, l’attenzione di illustri personaggi. Papa Bonifacio VIII, per esempio, che era nato in Ciociaria e conosceva bene la fonte. I registri contabili conservati in Vaticano annotano ben 187 ordini di pagamento per il trasporto dell’acqua da Anticoli di Campagna, come allora si chiamava la città  di Fiuggi. E le lodi dell’acqua che rompe la pietra compaiono anche in alcune lettere scritte da Michelangelo intorno al 1549. Ciò che rese quest’acqua indispensabile a re, nobili e ambasciatori era la sua capacità  miracolosa di curare la calcolosi renale. Capacità  che conserva immutata ancora oggi, anche se il miracolo altro non è che un prodigio naturale. Fiuggi, infatti, sorge in mezzo ad una formazione tufacea caratterizzata da un’alternanza da strati permeabili e semipermeabili, attraverso i quali l’acqua filtra e si depura, acquisendo le sue proprietà  benefiche. Solo a Fiuggi sgorga questa particolarissima acqua oligominerale, l’unica a unire alle proprietà  diuretiche la capacità  di sciogliere ed espellere i calcoli renali. È  un efficace rimedio per le infezioni delle vie urinarie, per la cura della gotta e delle artropatie uratiche. È indicata per trattamenti disintossicanti e depurativi in generale.


La Ciociaria: arte

Abbazia dell’Auricola

L’abbazia dell’Auricola sorge sulla cima del colle omonimo nel comune di Amaseno. La sua origine risale a prima del XIII° secolo, varie sono le fonti dalle quali ciò si può scaturire. In seguito agli scavi per il restauro effettuati nel 1897 è stato rinvenuto un sigillo abbaziale recante la figura di un abate, i caratteri semigotici ad esso inciso lo fanno ritenere al secolo XIII°. Altre fonti che testimoniano la presenza dell’abbazia in quegli anni sono date dai registri di Onorio III° nei quali si rileva che l’abbazia era abbastanza cospicua e fiorente e già  allora poteva contare anni di esistenza in quanto aveva giurisdizione e proprietà  anche per i paesi vicini. Inoltre l’analisi degli affreschi presenti dimostra che la chiesa sia stata fondata dai monaci benedettini del ramo cistercense. Per molti anni l’abbazia venne abbandonata e nel 1896 iniziarono i lavori di ricostruzione e fu affidata ai padri francescani. Dieci anni dopo essi abbandonarono l’Auricola e nel 1907 fu affidata ai padri cappuccini di Alatri, nel 1933 fu ceduta ai cistercensi di Casamari che non vi stabilirono mai la residenza. Attualmente è in possesso della curia di Ferentino per cessione fatta dai P.P. Cistercensi nel 1943. La chiesa è costruita in pietra calcarea locale, l’esterno è in stile romanico, mentre l’interno conserva le primitive forme a sesto acuto. È presente una sola navata con cappelle laterali asimettriche, che rappresentano la parte più antica della chiesa, salvata dalle rovine. L’Auricola è sacra alla Vergine, l’immagine ha fama di essere miracolosa come attestano gli ex voto e la costante devozione della popolazione. Di notevole importanza sono anche i quattro reliquiari di legno intagliato lasciati dai Padri Francescani, i quali rappresentano esempi di arte barocca del XVII° secolo.

La Certosa di Trisulti

La Certosa di Trisulti è immersa in uno dei più bei paesaggi montani della Ciociaria sorge alle falde dei monti Ernici, nel comune di Collepardo. Essa fu edificata la prima volta da S.Domenico di Foligno il quale fece costruire un complesso monastico di cui oggi restano solo pochi ruderi. La costruzione della Certosa ebbe inizio nel 1204 ad opera di Innocenzo III°; l’abbazia passò dall’ordine dei benedettini all’ordine dei padri passionisti certosini i quali iniziarono la costruzione di un nuovo complesso monastico. Nel 1211 venne inaugurata la nuova abbazia che comprendeva la Chiesa, due chiostri, l’archivio ed una magnifica farmacia. La chiesa, ristrutturata nel ‘700, è ad una sola navata, le pareti sono arricchite da vari affreschi e dipinti. Dalla chiesa si accede ad uno dei due chiostri anch’esso settecentesco, mentre l’altro situato all’esterno, viene utilizzato come cimitero. All’interno della certosa è custodito, inoltre, un importante archivio ricco di pergamene e documenti. L’attrazione maggiore di tutto il complesso monastico è dato dalla farmacia,nata inizialmente per garantire assistenza terapeutica ai frati, divenne ben presto una fonte farmaceutica di tutto il circondario. I monaci usavano lavorare le erbe e le spezie raccolte nei monti circostanti estraendone le essenze e gli aromi che ancora oggi sono conservati nelle vetrine della farmacia. Nel corso dei secoli l’abbazia si è trasformata architettonicamente e nel 1947 è passata alla Congregazione così di Casamari, divenendo  cistercense. La certosa ha come caratteristica la voluta lontananza ed autonomia rispetto ai centri abitati, nasce soprattutto come luogo isolato in modo da invitare al raccoglimento e alla pace interiore. Oggi lo splendido e articolato complesso monastico è divenuto monumento nazionale.

L’Abbazia di Casamari

Nel comune di Veroli, ubicato su di una collina rocciosa sorge l’Abbazia di Casamari. L'etimologia del termine deriva da "Casa Marii" cioè Casa di Mario in quanto sul luogo dove oggi sorge il monastero esisteva un villaggio "Cereate" in cui nacque o resiedette il celebre console. Secondo fonti documentali alcuni ecclesiastici di Veroli diedero inizio alla costruzione di una chiesa dedicata ai santi Giovanni e Paolo per poi costituire una comunità  benedettina di Casamari. Con il passare del tempo l'abbazia crebbe di dimensioni ed importanza distinguendosi sia a livello spirituale che politico. Nel frattempo in Europa si espandeva l'ordine cistercense la cui spiritualità  giunse in Italia grazie a Bernardo di Clairvaux, molti monasteri benedettini chiesero l'incorporazione all'ordine  così anche Casamari fu incorporata nell'ordine dei Citeaux. Tra le fine del XII° ed inizi del XIII° secolo fu avviata la costruzione dell'attuale monastero e nel 1203 papa Innocenzo III° benedisse la prima pietra della chiesa; quattordici anni dopo fu consacrata da Onorio III° e dedicata ai martiri romani Giovanni e Paolo. Nonostante le complesse vicende storiche, l'abbazia è rimasta sostanzialmente integra nella sua struttura originaria. I moduli di costruzione richiamano quelli borgognoni, caratterizzati da un' architettura ispirata alla semplicità  e alla funzionalità  propria dell'ordine. Il monastero è ideato e realizzato secondo una concezione urbanistica funzionale attorno al chiostro, in modo da avere, secondo la regola di S. Benedetto, una propria organizzazione.

L’Abbazia di Montecassino

L’edificazione dell’abbazia avvenne nel 529 ad opera di San Benedetto, il santo, giuntovi da Norcia, vi costruì dapprima un piccolo oratorio, poi decise di stabilirvisi edificando la casa madre dei benedettini. Egli fondò la regola benedettina Ora et labora in base alla quale i monaci erano tenuti a cantare lodi al Signore , a studiare, a praticare lavori manuali avendo cura dello spirito e del loro corpo. Seguendo questa regola venne istituito l’ordine monastico che si diffuse poi in tutta Europa. L’abbazia fu distrutta e ricostruita per ben 4 volte: dapprima dai longobardi, poi dai saraceni, dal terremoto e per ultimo durante il secondo conflitto mondiale. Distrutto dall’invasione longobarda, il primo monastero risorse quando i benedettini ritornarono da Roma a Montecassino intorno al 720. Ad opera di Paolo Diacono nel VIII° secolo l’abbazia si affermò come un centro di cultura, fu fondato anche uno scriptorium dove furono trascritte molte opere antiche. Dopo le distruzioni dei saraceni per il monastero cominciò un nuovo periodo di ripresa e nella seconda metà  del secolo XI° il complesso monastico venne dotato di una grande basilica. L’abbazia occupò una posizione primaria nell’ordine e nella chiesa fino al 1349 quando fu gravemente danneggiata da un violento terremoto. Dai secoli XVI° al XVIII° fu ricostruito il nuovo monumento architettonico riprendendo i caratteri del tardo Rinascimento e dell’età  barocca. L’ultima distruzione avvenne nel 1944 ad opera dei bombardamenti anglo-americani erroneamente convinti che il monastero fosse stato trasformato in una postazione tedesca. Nel 1950 sono state rinvenute le reliquie di san Benedetto e di Santa Scolastica ora riposte nella cripta sotto l’altare. L’abbazia conserva ancora oggi la sua famosa biblioteca in cui si conservano più di 1000 codici, 40000 pergamene e tutto il fondo delle opere e stampe con 250 incunaboli. Inoltre all’interno dell’abbazia è visitabile un interessante museo dove vengono conservate numerose opere e reperti di grande pregio. Grazie ad una gigantesca opera di ricostruzione oggi si presenta con i suoi chiostri rinascimentali, i portali bizantini, le policromie dei marmi pregiati e gli stucchi dorati che impreziosiscono la chiesa.

L’Abbazia di San Domenico

L’Abbazia di San Domenico, fu fondata nel 1011 dal monaco benedettino Domenico da Foligno sui resti della villa paterna di Cicerone. Domenico nacque nel 951 d.C. a Colfornaro di Capodacqua nei pressi di Foligno in Umbria. Egli fu un monaco benedettino ed eremita che, spinto a ritirarsi sui monti dell’Abruzzo, ottenne dal papa la facoltà  di fondare diversi monasteri. A Sora in provincia di Frosinone, Domenico fondò nel 1011 il suo penultimo e celebre cenobio dove trascorse gli ultimi venti anni della sua vita. L’abbazia di San Domenico fu ristrutturata nel XIII° secolo in stile gotico cistercense sul modello dell’Abbazia di Casamari e subì molteplici interventi di ricostruzione a seguito del terremoto del 1915. Il tempio si presenta come un insieme omogeneo di edifici, anche se tra loro indipendenti infatti all’interno del complesso troviamo la chiesa, il campanile, il cimitero e il chiostro attorno al quale vi sono vari edifici. La facciata è a capanna con un portale centrale e due porte laterali più piccole con in alto un rosone dalle poche note decorative. L’interno, della situazione attuale, riproduce la classica disposizione dell’antica basilica a croce latina, con un ambiente diviso a tre navate la scala domina lo spazio interno, ripartito da una doppia fila a sedici colonne di forme ed ordini diversi, particolarmente suggestiva è la cripta sotto il presbiterio. S.Domenico è sepolto nella cripta medesima dove riposano ancora le sue sacre spoglie ed è raffigurato nella chiesa con una statua in pregevole legno, presente nell’edificio dalla fine del XVIII secolo ed eseguita dall’artista Tiburzio Vergelli.

La Cattedrale di Santa Salome

La Cattedrale di Santa Salome si presenta come un imponente complesso inserito sull’antico oratorio degli Innocenti. Essa venne costruita in seguito al rinvenimento del corpo della santa nel 1209, in un luogo fuori le mura della città  pieno di rupi ed impervio che fu poi ingrandito in forma di chiesa. La prima costruzione fu distrutta nel 1350, ma ricostruita e consacrata nel 1429 ad opera della generosità  dei verolani. Furono apportate riparazioni alla cripta e si provvide alla costruzione della superiore basilica a tre navate asimmetriche, con la torre campanaria a pianta quadrangolare. Numerosi sono gli affreschi presenti all’interno: nell’abside centrale è presente una tela con l’immagine della santa, opera di Giuseppe Cesari, ed immagini degli apostoli Giovanni Evangelista e Giacomo il Maggiore opera del pittore Giuseppe Passeri. Sulla destra del presbitero è collocato un maestoso trittico della Madonna e Santi ornato da una splendida cornice di legno dorato. Nella prima metà del ‘700, nella seconda cappella il vescovo Tartagli fece costruire la scala santa, di dodici scalini in cui l’undicesimo contiene un frammento della Santa Croce di Gerusalemme. Seguendo le condizioni di papa Benedetto XIV infisse sulla lapide posta a destra della scala, è possibile ottenere l’indulgenza plenaria. Sotto l’altare della cripta c’è il sepolcro che fino al 1209 aveva custodito il corpo della Santa; di fronte si trova la piccola urna di pietra nella quale le ossa furono deposte dopo il ritrovamento del 1209, fino a quando l’urna fu rinvenuta sotto le macerie durante i lavori di rifacimento dopo il terremoto del 1350.

La Cattedrale di Anagni

La Cattedrale di Anagni fu edificata tra il 1068 ed il 1104 dal vescovo Pietro dei Principi longobardi di Salerno, nel punto dove anticamente sorgeva il più grande tempio dedicato alla dea Cerere. Conserva immutato il suo carattere romanico- lombardo che all’epoca della costruzione del duomo dominava l’edilizia e l’architettura sacra. Sulla facciata principale, che delinea l’interno a tre navate, si innestano tre portali e cinque monofore. Di fronte è posta la torre campanaria, mentre il lato posteriore è formato da tre absidi. Il campanile, che si innalza dinnanzi alla cattedrale, anticamente doveva far parte del palazzo vescovile. La facciata meridionale della cattedrale si contraddistingue per tre elementi essenziali: il battistero, la loggia delle benedizioni e la vicina cappella Caetani. Il battistero è di pianta triangolare e costituito da un semicerchio ben visibile dall’esterno. Il corpo in pietra scalpellata presenta sulla parete una serie di archetti e pilastri poggiando su un tratto delle antiche mura e sulla loggia. La loggia delle benedizioni nasce in principio come un ingresso che conduceva, attraverso un’imponente scalinata, direttamente dalla piazza sottostante alla navata sinistra della cattedrale. Successivamente la scala fu distrutta, ma solo l’ultimo piano fu conservato ed adibito a loggia. Su di essa si erge maestosa la statua di Bonifacio VIII° seduto su di un trono. A sinistra della loggia si apre la Cappella Caetani, aggiunta posteriormente rispetto alla costruzione dell’edificio. Attraverso le due scalinate in pietra, che si aprono nelle navate laterali della cattedrale, si può accedere al tesoro più prezioso: la cripta di San Magno. In essa sono contenuti affreschi che per la complessità  dei temi trattati e per la qualità  dei pittori ne fanno una delle opere più importanti del periodo. Il ciclo di pitture si apre con la creazione del mondo, con le storie dell’arca dell’alleanza e si conclude con l’Apocalisse. Nella cripta si conservano i corpi dei Santi Magno e Secondina. Nella realizzazione degli affreschi si distinguono 3 maestri o scuole di pittura, esse rappresentano importanti testimonianze della fase di passaggio dai moduli bizantini alla plastica umanità  del Giotto.

La Cattedrale di Sant’Andrea

La Cattedrale di Sant’Andrea sorge sul tempio principale dell’antica Verulae. Venne costruita nel XIII° secolo ampliando un edificio paleocristiano del secolo IV°. Il più antico documento, che narra la storia della Cattedrale, è riposto nella cappella del Tesoro della Chiesa; esso ricorda che il primo dicembre dell’anno 384 fu sepolta nel Duomo la salma di un martire cristiano, Marturio. Altre testimonianze che attestano le antiche origini della Chiesa sono date dai frammenti di lapidi dei secoli IX° e X° presenti nei pilastri del presbiterio. Nel 1350 un violento terremoto danneggiò notevolmente la chiesa che in parte fu distrutta, ma subito ricostruita. Nel 1706 il vescovo De Zaulis curò la realizzazione dei lavori che diedero alla Cattedrale il suo aspetto ideale. L’interno era a tre navate divise da pilastri romanici, in seguito ai lavori sono stati trasformati gli elementi romanici e gotici e la chiesa ha assunto l’aspetto barocco. Il coro ligneo ha sostituito quello romanico in pietra in una cappella della navata sinistra si ammira una tela del Kuntze: Il martirio di S.Bartolomeo. Sull’altare della cappella del sacramento è collocata invece una tela che rappresenta i santi Salome, Biagio e Demetrio dipinti dal pittore Federico Bucatti di Alatri.

La Cattedrale di San Paolo

Nel cuore dell’acropoli di Alatri, dal secolo XIV° sorge la cattedrale di S.Paolo in cui è custodito uno dei pochi miracoli eucaristici d’Italia: l’Ostia Incarnata. Le origini della cattedrale sono documentate al 930, ma l’edificio ha subito notevoli trasformazioni già  intorno alla metà  del settecento per opera del vescovo Francesco Cavallini. Si può accedere alla cattedrale grazie ad un’ampia scalinata. La chiesa è ad una sola navata con il presbitero rialzato e conserva solo poche testimonianze della chiesa romanica: frammenti di un altare, un pannello del pergamo e un pluteo decorato. Nell’oratorio ha la propria sede la confraternita di S.Sisto. Qui si conserva la sacra particola contenuta in un contenitore di vetro e conservata nel fianco della navata destra divenuta straordinariamente carne umana. La memoria di questo evento è riportata in un  mandatum papale in cui si narra che una giovane, plagiata dal cattivo consiglio di una donna malefica, dopo aver ricevuto nelle mani dal sacerdote il Corpo Santissimo di Cristo, lo trattenne in bocca per un po’, poi lo nascose in un panno e dopo tre giorni lo ritrovò sotto forma di carne.

La Cattedrale di Santa Maria Assunta

La cattedrale sorge sulle rovine di un tempio pagano del dio Sole- Sorano del 111 sec. A.C., l’anno 1100 è considerato data ufficiale della sua fondazione o di un suo ampliamento. La cattedrale era posta al di fuori della cinta muraria e solo nel 1300, in seguito all’ampliamento del perimetro murario e la successiva costruzione del torrione aragonese, entra a far parte della città . Prima di giungere allo stato attuale, la cattedrale ha subito notevoli mutamenti: fu distrutta nel 1103 e in seguito, nel 1110, restaurata e completata. Federico II° nel 1129 la fece distruggere e ne ordinò la ricostruzione nel 1250. Dell’originario pre- romano e romano abbiamo tracce solo sul piano terra, nei sotterranei del seminario vescovile e negli stipiti del portale maggiore della chiesa. L’interno della cattedrale è a tre navate, con pianta a croce latina e con un soffitto retto da capriate di legno. Si accede al suo interno attraverso una porta principale la quale è di particolare interesse artistico. Sul portale, opera di Mastro Giovanni, vi è incisa una iscrizione latina che indica che il vescovo Roffrido lo fece costruire perchè quella soglia era stata profanata dall’uccisione di una giovane. Sulla parete dell’altare maggiore, in pietra viva, domina un crocifisso ligneo di grande suggestione. Annesso alla cattedrale vi è il palazzo vescovile del secolo XVI° ed il seminario interdiocesano uno dei più antichi d’Italia.

La Cattedrale dei Santi Giovanni e Paolo

La Cattedrale dei santi Giovanni e Paolo fu costruita nelle forme attuali nel 1108 durante l’episcopato di Agostino il quale vi trasportò le ossa del patrono dalla chiesa di Santa Maria Maggiore. La Cattedrale è a forma basilicale con tre navate terminanti ciascuna con un abside, le arcate invece sono sostenute da pilastri alternati da colonne di granito del IV° secolo. Staccata dalla chiesa, dietro le absidi c’è la torre campanaria, in posizione adiacente si trova invece il palazzo dei S.S. Giovanni e Paolo costruito nel medioevo e residenza del vescovo. L’interno della Chiesa è a tre navate, la pavimentazione risale al XIII°secolo, le decorazioni, gli affreschi e i mosaici sono opera di artisti del tempo. Nel mezzo della navata centrale il pavimento è rialzato di un gradino, testimonianza che lì c’era una perduta SCHOLA CANTORUM. L’interno della cattedrale inoltre è arricchito dall’elegante colonna tortile del cero pasquale, da un bellissimo ciborio del 1228 e 1240 e un ciborio marmoreo de secolo XV°.

La Chiesa di Santa Maria Maggiore

La chiesa di Santa Maria Maggiore di Alatri, con la sua elegante facciata, contribuisce ad abbellire l'omonima piazza cittadina, dove anticamente si trovavano edifici di culto pagano. Sulla facciata a capanna è inserito, come un prezioso merletto, un grande rosone trilobato che consente d'illuminare l'interno, altrimenti troppo buio. Sulla sommità  della navata destra si appoggia il bel campanile merlato. L'interno della chiesa presenta il duplice aspetto romanico e gotico, frutto della ricostruzione avvenuta dopo che, nel 1350, un violento terremoto distrusse in parte la chiesa. Preziose opere d'epoca medioevale sono custodite nella prima cappella di sinistra. Si tratta del gruppo ligneo della Madonna di Costantinopoli capolavoro d'arte romanica, chiuso un tempo entro due pannelli laterali, recante scolpite le scene della vita di Maria e di Cristo. Sulla parete destra ritroviamo il Trittico del Salvatore, opera autografa del pittore Antonio d'Alatri seguace di Gentile da Fabriano. Sull'altare si trova il fonte battesimale, la cui vasca è sorretta da tre telamoni che esprimono gesti enigmatici; predomina inoltre, per la sua raffinata decorazione e per l'equilibrato senso architettonico, il piccolo tabernacolo rinascimentale, scolpito evidentemente da un artista dalla grande capacità  tecnica.

La Cattedrale di Aquino

La Cattedrale di Aquino fu ultimata nel 1959 e consacrata il diciannove ottobre del 1963. Per tale circostanza giunse da Tolosa una reliquia del corpo di S. Tommaso, un prezioso dono fatto da Gabriele Garrone arcivescovo di Tolosa. La cattedrale dedicata ai santi Costanzo e Tommaso venne inaugurata il ventisette ottobre con una solenne cerimonia alla presenza di molti vescovi giunti a Roma per partecipare al Concilio Vaticano II°. In occasione del 7° centenario della morte di S. Tommaso fu eletta Basilica Minore da Paolo VI° e in quello stesso anno fu arricchita da una serie di opere d’arte. Sulle abside laterali sono presenti due ceramiche; l’altare maggiore è in marmo di Carrara; davanti all’altare del S.S. sacramento Paolo VI° si raccolse in preghiera durante la sua visita ad Aquino il quattordici settembre del 1974.

La Chiesa della Madonna della Libera

La chiesa della Madonna della Libera fu edificata nel secolo XI° sulla base di una chiesa preesistente. Nel 1127 fu dedicata a Maria Madonna della Libera. L’imponente struttura si ergeva sulla vallata dei laghi e delle forme di Aquino, mentre attualmente è immersa in un ampio parco. Esternamente c’è un’ampia scalinata dove l’ultimo ripiano presenta la riutilizzazione di basole della via latina e delle lastre di pietra calcarea. La torre campanaria, di pianta quadrata la cui base presenta i resti evidenti di antichi muri di epoca romana,domina il lato destro della chiesa. Risale invece all’800 il portico a tre arcate mentre al posto di una grande finestra trifora è stato posto il grande rosone centrale. L’interno si presenta diviso a tre navate con tre absidi semicircolari, inoltre è possibile ammirare importanti reperti archeologici inseriti nelle mura e presenti anche all’esterno. Negli anni ‘70 ad opera del prof. Carlo Mariani in occasione del 7° centenario della morte di San Tommaso d’Aquino furono dipinte le vetrate del rosone della navata centrale rappresentante la colomba, simbolo dello spirito santo, e la Madonna della Libera.

Il Santuario della Madonna del Piano

Il santuario della Madonna del Piano sorge nel tratto pianeggiante, dalle colline di Ausonia al mare di Formia. La fondazione del santuario risale al secolo XI°, ma nel tempo la chiesa ha subito vari rifacimenti. La sua costruzione è collegata alla miracolosa apparizione della Madonna alla pastorella Remingarda, alla quale la Madonna stessa indicò il luogo dove erigere una chiesa a lei dedicata. Remingarda era una giovane storpia e deforme, ma molto devota a Maria. Era l’anno 1100 e la giovane come ogni giorno si recava nella contrada del Gorgalonga con la sua mandria di porci. È  proprio in questo luogo che la Vergine apparve alla giovane guarendola da tutte le sue deformità  e manifestando la volontà  che proprio lì doveva sorgere una chiesa. Il vescovo di Gaeta, Nazario, dopo aver pregato tutta la notte invitò i fedeli a recarsi sul luogo e qui vi trovò la statua lignea di Maria già  venerata dai fedeli di Castro dei Volsci. I castresi, accortosi di ciò, vennero a riprendersi la statua per ben tre volte, ma ogni volta la statua ritornava miracolosamente nella contrada del Gorgalonga. Nel riportarla ancora una volta, durante il tragitto la statua divenne talmente pesante che neppure il traino riusciva a trasportarla, i castresi compresero che la madonna volesse restare ad Ausonia. Ogni anno iniziarono ad onorarla andando in pellegrinaggio a piedi. La facciata del santuario è preceduta esternamente da un grande portico a quattro arcate del secolo XVI°, l’interno è a tre navate divise da pilastri di stile barocco. Prima del presbiterio due brevi e strette scale portano alla cripta a tre absidi dove ritroviamo vari dipinti in stile bizantino raffiguranti angeli attorno a Maria. Tutte le pareti e la volta inoltre sono interamente ricoperte da affreschi che raccontano storie della Madonna, di Cristo, di Santi, fatti biblici ed evangelici.

Il Santuario della Madonna di Canneto

Il santuario sorge nell’amena valle di Canneto al di sopra dei mille metri d’altitudine. Vi si venera la statua della Madonna Nera, colore assunto attraverso i secoli dal legno di cui è costituita. Una leggenda narra che la Madonna di Canneto sia apparsa ad una giovane pastorella di nome Silvana la quale si trovava in località  Capodacqua a pascolare il suo gregge. A quella incantevole visione la giovane rimase stupita, ma la Madonna la rassicurò e le ordinò di recarsi dall’arciprete di Settefrati dicendogli che la Vergine voleva che nella valle venisse eretta una Chiesa a lei dedicata. Il santuario sorge dove un tempo, fin dal III° secolo A.C., si trovava un tempio pagano dedicato alla dea Mefite. Non si conosce con certezza quando sia stato edificato, ma in alcuni documenti degli anni 715-750-819, si nomina una chiesa dedicata a S. Maria di Canneto, ma la fonte più antica e di indiscutibile valore storico ha  un rescritto di Papa Nicolò IV° del 13 dicembre del 1288. La chiesa di Canneto fu soggetta all’abbazia di Montecassino fin dalla seconda metà  del secolo XIII°, negli anni seguenti al Concilio di Trento fu unita con tutti i suoi beni al Seminario di Sora. Solo nel 1972 ha assunto una propria direzione e amministrazione. Nel corso degli anni la Chiesa ha subito rifacimenti e nel 1973 è stata progettata nuovamente.






La Ciociaria: gastronomia ed enogastronomia

Il Gruppo di Azione Locale versante del Lazio – Molise – Parco Nazionale d’Abruzzo

Nel territorio della Provincia di Frosinone opera dal 1998 il Gruppo di Azione Locale (associazione di 25 comuni, tre comunità  montane, il Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, Camera di Commercio, organizzazioni agricole, culturali, ambientaliste e dell’artigianato) promuovono, con fondi europei, uno sviluppo sostenibile del territorio. Grazie all’impegno del GAL e di Slow Food, con alcune aziende agricole, è stato costituito il presidio della marzolina, formaggio caprino in estinzione, e sono stati inoltre inseriti nell’Atlante dei prodotti tipici dei parchi (redatto dal Ministero dell’Ambiente) alcuni produttori di pecorino, marzolina, pane, salsicce, miele e torroni. Con il progetto Valcomino con Gusto, alcuni ristoratori offrono menù tradizionali utilizzando prodotti tipici delle aziende agricole. Frantoi, mini caseifici, mulini, pasticcerie, cantine, ristoranti, alberghi, B&B, cooperative e associazioni del territorio offrono i loro prodotti e servizi (tipici e turistici) in un portale europeo on-line www.cominium.com che supporterà  i piccoli produttori rurali nella ricerca di nuovi mercati.
In Ciociaria esiste uno spazio agreste con il suo ricco tessuto produttivo dove sono ancora integri i valori autentici della cultura antica che rivivono nella tradizionale ospitalità  del turismo rurale. Le origini dell'agriturismo sono lontane e radicate negli usi e nei costumi della civiltà agricola, quando per le famiglie contadine era consuetudine offrire ospitalità  ai viandanti. Una tradizione che diventa oggi attività  collaterale dell'impresa agricola a conduzione familiare. Per quanti vogliono ritrovare il gusto di una vacanza a contatto con una natura ancora incontaminata, nella quiete delle campagne, la Ciociaria offre svariate opportunità. L'agriturismo in questa terra assume pertanto un significato che va al di là  della semplice accoglienza nell'azienda agricola. Significa vivere intensamente la vita agreste ed i suoi molteplici aspetti, riscoprire i sapori genuini della terra con i suoi frutti. La cultura dell'accoglienza ed il senso dell'ospitalità  degli abitanti, costituiscono il valore aggiunto: la garanzia di un soggiorno piacevole e spesso indimenticabile.

I dolci
I dolci della Ciociaria hanno una tradizione culturale e alimentare antichissima, perchè sono stati tramandati da diverse generazioni, quindi vengono seguiti tutti i criteri alimentari che usavano i nostri nonni.
La Pigna
Tipico dolce del periodo pasquale, la pigna rappresenta al meglio la tradizione gastronomica ciociara. Riccamente speziata con semi di anice, frutta candita e profumi liquorosi, si ottiene con un impasto lievitato simile a quello del pane.
Gli Amaretti
Ricchi di gusto e sapore, gli amaretti di Guarcino si caratterizzano per la loro morbidezza e consistenza. Ottenuti mescolando mandorle, zucchero e bianco d'uovo, l'impasto viene sistemato su piccoli dischetti di ostia che ne esaltano la fragranza. Prodotti in ogni periodo dell'anno conquistano anche i palati più raffinati.
Il Torroncino di Alvito
La produzione dei torroncini nel paese di Alvito ha origini lontanissime. Già  nel '700 si produceva un torrone morbido ottenuto con un impasto di mandorle,canditi e glassa bianca. Rinnovando l'antica ricetta oggi il torroncino si presenta con numerose varianti: partendo da una base di pasta di mandorle, zucchero e acqua cotta a bagnomaria si ottiene una pasta raffinata da tagliare a piacimento da ricoprire con cioccolato, caffè o nocciola.
Le Ciambelline Ruzze
Le ciambelline ruzze al vino sono tipici dolci della pasticceria secca ciociara che ricordano le fragranze del forno a legna e del grano. Queste ciambelline sono fatte con un impasto di semi di anice ed aromatizzate al vino bianco; ricoperte da una granella di zucchero, sono ottime a fine pasto accompagnate da un bicchiere di vino da dessert in cui vengono imbevute.
I formaggi
Ottenuti da lavorazioni artigianali con metodi antichi i formaggi e i salumi si caratterizzano per sapidità  e profumi. Gli splendidi pascoli e la tradizionale attività  pastorizia non potevano che dare ottimi risultati nella produzione di formaggi. Tipiche le ricotte fresche, la marzolina, ed i formaggi ovini e caprini e la rinomata mozzarella di bufala. I salumi vengono prodotti artigianalmente lavorando principalmente le carni di maiale; il rito della lavorazione è una specie di festa in cui si ripetono i riti antichi con l'entusiasmo di un tempo. Tra i salumi più conosciuti il prosciutto di Guarcino e le coppiette ciociare.
La Mozzarella di Bufala
Nel comune di Amaseno si produce la mozzarella di bufala, la sua storia è strettamente legata a quella dei bufali che nel paese contano circa diecimila capi. E' un formaggio fresco dal sapore muschiato e dalla pasta filata che viene ottenuto dal latte crudo o pastorizzato di bufala.
Il Fior di Latte dell’Appennino Meridionale
Un formaggio fresco a pasta filata, molle, a fermentazione lattica, prodotto durante tutto il periodo dell'anno con latte di vacca.
La Caciottina
Prodotto caseario a base di latte bufalino. La forma ed il colore sono quelle tipiche della Marzolina di capra ( forma cilindrica allungata, colore bianco). La consistenza può essere, a seconda della temperatura esterna, spugnosa in estate e dura in inverno. Il sapore è forte e caratteristico
Le Marzoline di capra
Il suo nome deriva dal fatto che questo formaggio è prodotto a marzo periodo in cui le capre producono un latte particolarmente nutriente, sia perché hanno appena finito di allattare la prima figliata di primavera e sia perchè i pascoli sono ricchi di erbe nuove. La marzolina ha una forma cilindrica allungata, un peso che varia dai 70 ai 250 grammi ed è realizzata con latte di capra ancora caldo mescolato con quello della sera precedente, lo si scalda sul fuoco aggiungendovi il caglio di capretto.
Il Prosciutto di Guarcino
Il prosciutto di Guarcino deve le sue eccezionali qualità  ad antiche ed immutate tradizioni familiari nonchè al particolare clima del paese, ubicato in prossimità  di due grandi vallate in cui confluiscono aria temperata ed umida generando un clima ottimale per la stagionatura. Le caratteristiche che contraddistinguono il prosciutto sono il colore rosso-rosato semiopaco, la forma tradizionale moderatamente allungata ed il suo sapore sapido ed aromatico.
Le Coppiette ciociare
Le rinomate coppiette con la loro caratteristica forma allungata sono strisce di carne suina scelta dalla coscia, salate e condite con spezie naturali; successivamente vengono infilzate con spaghi di canapa e lasciate essiccare per circa due mesi.
La pasta
L'elemento base dei primi ciociari è la pasta fatta in casa con farina, uova ed olio extravergine di oliva. Tagliata in modi diversi viene utilizzata con moltissime varianti che richiamano alle tradizioni locali, la pasta fatta in casa è elemento fondamentale di una tradizione culinaria che rivive nelle abili mani delle donne ciociare.
Sagne e fagioli
Comune in tutto il frusinate sagne e fagioli è una minestra gustosissima. Si tratta di maltagliati acqua e farina, conditi con una salsa a base di fagioli, salsa di pomodoro, aglio e sedano. Questo piatto lo si può trovare con interpretazioni lievemente diverse da comune a comune.
Fini Fini con sugo di recaglie
I fini fini sono probabilmente la pasta più rappresentativa della cucina ciociara. Ottenuti lavorando energicamente uova, farina e sale, sono una variante delle tipiche tagliatelle, ma dalla tiratura e dal taglio sottilissimo. Per esaltare il loro sapore genuino, i fini fini vengono conditi con un sugo di pomodoro, cipolla e regaglie ( frattaglie di pollo tagliate a pezzetti).
Minestra con pane sotto
Questa minestra è uno dei piatti più poveri, ma anche tra i più gustosi della cucina ciociara. Si tratta di una zuppa di verdure versata su di un letto di pane raffermo, la cui origine si perde nella notte dei tempi. E' qualcosa di unico se gustata ben calda, con un filo di olio crudo in un piatto di coccio. Nella zona di Boville Ernica e Monte San Giovanni Campano è praticamente il piatto simbolo del territorio.
Cosciotto di capretto con patate e rosmarino
Tra i secondi piatti della gastronomia ciociara, trova posto anche la carne ovina. In particolare, il capretto cucinato al forno, speziato con il rosmarino e accompagnato dalle patate, è una tipica pietanza delle festività  pasquali, da poter gustare anche durante l'anno.
Garofolata
Nella zona dei monti Ernici, è piuttosto frequente trovare carne speziata con chiodi di garofano ( ad esempio l'agnello castrato) chiamata Garofalata. Il castrato ben pulito e tagliato a grossi tocchi viene dissossato e farcito con aglio, sale e pepe. Cotto a fuoco moderato viene bagnato con vino rosso ed insaporito con i pomodorini freschi.
Pollo alla ciociara
Il pollo ruspante alla ciociara, rigorosamente allevato dai contadini, è il piatto tipico del giorno di ferragosto. E' molto apprezzato per il contrasto tra i sapori forti della carne di pollo e la dolcezza del peperone con cui viene cucinato. A questa pietanza è stata dedicata anche una sagra che si svolge nel comune di Isola del Liri nel mese di agosto.

I vini
La Ciociaria offre un’ampia ed eccellente eterogeneità  di produzioni agroalimentari e rappresenta un vero e proprio giacimento di gusti e di sapori. Diversi e prelibati sono, infatti, i prodotti tipici della provincia di Frosinone, a testimonianza di una secolare vocazione per la cura della terra. Alcuni di essi hanno ottenuto o stanno per ottenere la tutela delle denominazioni di origine o è delle indicazioni geografiche (DOC, IGT, DOP e IGP), gli altri sono comunque in grado di raggiungere elevati standard di qualità  e genuinità . E partiamo dalle produzioni vitivinicole e, in particolare, dalle due DOC ciociare: il Cesanese del Piglio ed il Cabernet di Atina.
Cesanese Casal Cervino d.o.c. del comune del Piglio
Comune di piglio
Il colore è rosso rubino con riflessi granata, dal profumo ampio intenso ed etereo.Il gusto è asciutto su base solida con sensazioni speziate e di piccoli frutti di bosco e polvere di caffè.
Frusinello I.G.T. bianco
Comune di Boville Ernica
Il colore è giallo paglierino e dal profumo delicato.
Frusinello I.G.T. rosso
Comune di Boville Ernica
Il colore è rosso rubino, dal sapore gradevole non aggressivo, con retrogusto amarognolo.
Novello vino rosso del frusinate I.G.T.
Comune di Atina
Il colore è rosso rubino intenso con riflessi violacei, profumo delicato fruttato tendente al floreale. Al gusto si presenta armonico, di giusto corpo, con forti sentori di frutta.
Passerina del frusinate I.G.T.
Comune di Anagni
Si tratta di un vino giallo paglierino con riflessi dorati, molto limpido delicatamente profumato con sentore di mela golden. Dal sapore asciutto su base vellutata con sentori tipici del vitigno base e con sottili sfumature fruttate.
Rosso delle chiaie vino rosso del frusinate I.G.T.
Comune di Atina
Il colore è rosso rubino intenso, si tratta di un vino pieno robusto, dal profumo delicato tendente al fruttato.
Colle della torre vino rosso del frusinate I.G.T.
Comune di Atina
Vino dal colore rosso rubino particolarmente intenso, dal profumo complesso e delicato, arricchito da note dolci di vaniglia, al gusto si presenta asciutto con forti sensazioni aromatiche complesse.

L’olio
L'ulivo è la specie arborea coltivata più diffusa nella provincia di Frosinone. L'olio ricco di acidi grassi polinsaturi, comprende un'elevata percentuale di composti fenolici dall'azione ossidante e numerose vitamine. Il carattere principale dell'olio della Ciociaria è l'armonicità  dei suoi costituenti provenienti da uliveti terrazzati in cui l'insolazione della pianta è omogenea e la maturazione completa e contemporanea.
Olio Rosciola
Comune: Paliano
L'olio Rosciola ha la sua sede di produzione principale a Paliano. Esso si presenta leggermente velato e di colore giallo dorato con riflessi verdi. Senza trattamenti se non quello della spremitura, all'olfatto è di buona intensità  e persistenza.
Olio di Cervaro
Comune: Cervaro
L'olio cervarese grazie alla sua esposizione a mezzogiorno degli uliveti e alla scelta delle piante è divenuto un olio di eccellente qualità . Con una acidità  inferiore al 1% l'olio di Cervaro è un olio extra vergine d'oliva a tutti gli effetti. Il suo valore nutrizionale, dovuto ai suoi componenti naturali, lo rendono adatto con qualsiasi pietanza esaltandone il sapore


I dati statistici ed economici
Sono stati analizzati i dati relativi all’indagine condotta dal Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali.
Di seguito riportiamo i dati del movimento turistico provinciale rilevati nell’anno 2005 e dell’anno 2010, negli esercizi alberghieri ed extra- alberghieri ossia:

ESERCIZI ALBERGHIERI ED EXTRA-ALBERGHIERI
2005:       arrivi 400.697; presenze 1.221.383
2010:       arrivi 427.926; presenze 1.122.165
Si registrano, complessivamente, una leggera flessione delle presenze con un decremento dell’ 8,13% rispetto all’anno 2005,  ed un  soddisfacente  aumento degli arrivi con un  + 27.229 pari ad un + 6,79%.
Raffrontando più nello specifico i dati  suddivisi  per provenienza (italiani e stranieri )  si rileva:
2005:     Italiani  arrivi    258.697          Presenze  863.001 
              Stranieri arrivi  142.000           Presenze  358.382
2010:     Italiani  arrivi    259.751          Presenze  719.830  
              Stranieri arrivi  168.175           Presenze  402.335
Variazioni in percentuale:
              Italiani  arrivi    +    0,40%          Presenze   –  16,59%   
              Stranieri arrivi   + 18,43%           Presenze  + 12,26%

I dati sopra indicati evidenziano un notevole incremento del turismo straniero, sia negli arrivi che nelle presenze mentre si conferma, come nelle previsioni, un decremento del  turismo interno nelle presenze ed una costanza negli arrivi.
Analizzando i dati relativi  all’ incremento del turismo estero si rileva  che  entrambi i settori, quello alberghiero e quello extralberghiero, hanno  registrato  i seguenti aumenti:  ARRIVI  + 18,27%  (esercizi   alberghieri)  + 31,40% (esercizi extralberghieri); PRESENZE +11,57% (esercizi alberghieri) +62,66% (esercizi extra - alberghieri).
Esaminando i dati raccolti dall’Azienda di Promozione Turistica per il biennio 2005/2006 possiamo sintetizzare affermando che nel biennio 2005/2006 il flusso degli stranieri che soggiornano  in Ciociaria è incrementato di circa 17 punti percentuali contro l’1% degli italiani.
I paesi maggiormente visitati dagli stranieri sono : Atina, Arpino, Ceprano, Ferentino, Fiuggi, San Donato Val di Comino, Trevi nel Lazio; mentre le mete  preferite dal turismo italiano sono: Veroli, Anagni, Cassino e Sora.
Nel periodo considerato, alcuni paesi quali Arpino, Atina, Ferentino, Fiuggi, Guarcino, San Donato Val di Comino, Trevi nel Lazio e Veroli hanno visto ridursi il flusso dei turisti.
Approfondiamo l’analisi dei dati alberghieri ed extra-alberghieri registrati nei maggiori Centri della provincia per il periodo 2005 e 2010. Per ragioni di sintesi accorperemo i dati attraverso segmenti del turismo.

Arrivi e presenze negli esercizi alberghieri al 2005 ed al 2010:

-                     CENTRI D’ARTE: (Alatri, Anagni, Aquino, Arpino, Ferentino, Fumone, Veroli, Vico nel Lazio):
2005:     Italiani  arrivi     63.152           Presenze 134.012 
              Stranieri arrivi    11.944           Presenze   29.522
2010:     Italiani  arrivi     64.110           Presenze  115.930  
              Stranieri arrivi      9.539           Presenze    23.527
Variazioni in percentuale:
              Italiani  arrivi    +    1,51%          Presenze   –  13,50%  
              Stranieri arrivi   – 20,14 %           Presenze  –  20,31%

-                     CENTRI RELIGIOSI ( Cassino, Settefrati):
2005:     Italiani  arrivi      29.855          Presenze    55.178 
              Stranieri arrivi      9.830           Presenze    19.622
2010:     Italiani  arrivi      41.273          Presenze    78.007  
              Stranieri arrivi     12.281          Presenze    27.498
Variazioni in percentuale:
              Italiani  arrivi    + 38,24%          Presenze   +  41,37%  
              Stranieri arrivi   + 24,93%           Presenze  +  40,13%

-                     CENTRI COLLINARI  (Acuto, Atina, Alvito, Collepardo, Gallinaro, Monte S. G. Campano, Patrica, Piglio, Roccasecca, S. Donato  Valcomino, Serrone, Vallerotonda, Vicalvi): 
2005:     Italiani  arrivi        5.808          Presenze    16.060 
              Stranieri arrivi       1.772          Presenze      7.602
2010:     Italiani  arrivi        3.281          Presenze    10.012  
              Stranieri arrivi       2.202          Presenze      7.580
Variazioni in percentuale:
              Italiani  arrivi    –  43,51%          Presenze   – 37,66%  
              Stranieri arrivi   + 24,26%           Presenze  –   0,29%

-                     CENTRI TERMALI  (Fiuggi):
2005:     Italiani  arrivi    118.187          Presenze  526.757 
              Stranieri arrivi  111.051           Presenze  282.658
2010:     Italiani  arrivi    105.041          Presenze  392.442  
              Stranieri arrivi  134.378           Presenze  319.319
Variazioni in percentuale:
              Italiani  arrivi    –  11,13%          Presenze   –  25,50%  
              Stranieri arrivi   +  21,00%           Presenze  + 12,97%

-                     CENTRI MONTANI (Acquafondata, Filettino, Guardino, Picinisco, Trevi nel Lazio):
2005:     Italiani  arrivi        5.468          Presenze    19.395 
              Stranieri arrivi          593          Presenze      1.252
2010:     Italiani  arrivi        2.457          Presenze      8.945  
              Stranieri arrivi          294          Presenze         729
Variazioni in percentuale:
              Italiani  arrivi    –  55,07%          Presenze   –  53,88%   
              Stranieri arrivi   –  50,43%           Presenze  –  41,78%

-                     ALTRI COMUNI (Arce , Broccostella, Castelliri, Castelnuovo Parano, Castrocielo, Castro dei Volsci, Ceccano, Ceprano, Cervaro, Esperia, Falvaterra, Fantana Liri, Isola del Liri, Morolo, Paliano, Pastena, Pescosolido, Pico, Piedimonte S. Germano, Pofi, Ripi, S. Elia Fiumerapido, S. Vittore nel Lazio, Sgurgola, Sora, Supino, Torre Cajetani,Vallecorsa, Viticuso): 
2005:     Italiani  arrivi      25.001          Presenze     51.369 
              Stranieri arrivi       5.132          Presenze     12.867
2010:     Italiani  arrivi      28.809          Presenze     63.917  
              Stranieri arrivi       7.276          Presenze     15.778
Variazioni in percentuale:
              Italiani  arrivi    +  15,23%          Presenze   + 24,42%  
              Stranieri arrivi   + 41,77%           Presenze  + 22,62%
Arrivi e presenze negli esercizi extra-alberghieri al 2005 ed al 2010:

-                     CENTRI D’ARTE: (Alatri, Anagni, Aquino, Arpino, Ferentino, Fumone, Veroli, Vico nel Lazio):
2005:     Italiani  arrivi        1.245          Presenze       2.810 
              Stranieri arrivi          277          Presenze          788
2010:     Italiani  arrivi        4.069          Presenze      10.244  
              Stranieri arrivi          385          Presenze        1.238
Variazioni in percentuale:
              Italiani  arrivi    +  26,83%          Presenze   +  64,55%  
              Stranieri arrivi   +  38,98%           Presenze  + 57,10%
  
-                     CENTRI RELIGIOSI (Cassino, Settefrati):
2005:     Italiani  arrivi       1.999           Presenze       9.377 
              Stranieri arrivi         702           Presenze      1.208
2010:     Italiani  arrivi        1.672          Presenze       6.148  
              Stranieri arrivi         306           Presenze       1.386
Variazioni in percentuale:
              Italiani  arrivi    –  16,36%          Presenze   – 34,44%  
              Stranieri arrivi   – 56,42%           Presenze  + 14,73%

-                     CENTRI COLLINARI  (Acuto, Atina, Alvito, Collepardo, Gallinaro, Monte S. G. Campano, Patrica, Piglio, Roccasecca, S. Donato  Valcomino, Serrone, Vallerotonda, Vicalvi): 
2005:     Italiani  arrivi        1.633          Presenze      8.783 
              Stranieri arrivi         197           Presenze      1.034
2010:     Italiani  arrivi        1.550          Presenze       3.334  
              Stranieri arrivi         205           Presenze         718
Variazioni in percentuale:
              Italiani  arrivi    –   5,09%          Presenze   + 22,43%  
              Stranieri arrivi   +  4,06%           Presenze  –  30,57%

-                     CENTRI TERMALI  (Fiuggi):
2005:     Italiani  arrivi        3.329          Presenze      29.500 
              Stranieri arrivi          157          Presenze          609
2010:     Italiani  arrivi        2.949          Presenze      21.522  
              Stranieri arrivi          421          Presenze          936
Variazioni in percentuale:
              Italiani  arrivi    – 11,42%          Presenze   –  27,05%  
              Stranieri arrivi   + 68,15%         Presenze   +  53,69%

-                     CENTRI MONTANI (Acquafondata, Filettino, Guardino, Picinisco, Trevi nel Lazio):
2005:     Italiani  arrivi        1.641          Presenze       5.482 
              Stranieri arrivi            91          Presenze          237
2010:     Italiani  arrivi           802          Presenze       2.173  
              Stranieri arrivi            69          Presenze          393
Variazioni in percentuale:
              Italiani  arrivi     – 51,12%          Presenze   –  60,36%  
              Stranieri arrivi    –24,17%           Presenze   + 65,82%

-                     ALTRI COMUNI (Arce , Broccostella, Castelliri, Castelnuovo Parano, Castrocielo, Castro dei Volsci, Ceccano, Ceprano, Cervaro, Esperia, Falvaterra, Fantana Liri, Isola del Liri, Morolo, Paliano, Pastena, Pescosolido, Pico, Piedimonte S. Germano, Pofi, Ripi, S. Elia Fiumerapido, S. Vittore nel Lazio, Sgurgola, Sora, Supino, Torre Cajetani,Vallecorsa, Viticuso): 
2005:     Italiani  arrivi        1.315          Presenze        4.125 
              Stranieri arrivi          245          Presenze           969
2010:     Italiani  arrivi        3.584          Presenze        6.821  
              Stranieri arrivi          812          Presenze        3.223
Variazioni in percentuale:
              Italiani  arrivi    + 172,54%          Presenze   –  65,35%  
              Stranieri arrivi   + 231,42%          Presenze  +  232,61%

-                     CENTRI LACUALI (Posta Fibreno):
2005:     Italiani  arrivi             64          Presenze           153 
              Stranieri arrivi             9           Presenze             14
2010:     Italiani  arrivi           157          Presenze           335  
              Stranieri arrivi             7           Presenze             10
Variazioni in percentuale:
              Italiani  arrivi    + 145,31%          Presenze   + 218,95%  
              Stranieri arrivi   –   22,23%          Presenze   –   28,58%

In conclusione dai dati esaminati, come già rilevato in premessa, risulta una  predominanza del  segno positivo negli arrivi e un considerevole aumento delle presenze. La domanda turistica è orientata al frazionamento delle vacanze con una riduzione del soggiorno. Da un’analisi più attenta emergono dati positivi collegati in particolar modo al notevole incremento registrato dagli arrivi e dalle presenze dei Paesi Europei ed Extra-europei, che sono spesso il risultato delle azioni  promozionali svolte dall’Azienda di Promozione Turistica della Provincia di Frosinone.